Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIV n° 48
venerdì 24 novembre 2017, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
L'APPUNTO
DIARIO DAL CAMMINO DI SANTIAGO - N. Marciano: "Ma chi me l'ha fatto fare? Però è bello"
03.08.2016 17:31 di Napoli Magazine

DA OVIEDO A GRADO (SPAGNA) - Ma chi me l'ha fatto fare? Chi? Così, tanto per saperlo. No perché se è stato qualcuno che mi ha costretto va denunciato! E di corsa! Si, lo so, l'ho deciso da sola. Non mi sono pentita. Solo che nemmeno ci sono arrivata ad Oviedo e già sto tipo mi si è incollato alle calcagna. Va bene che bisogna conoscere gente ma non è che mi puoi fare stalking che nemmeno ho messo piede fuori dall'aereo (è lì che mi avrà puntata) solo perché "anche tu in cammino!?? Anche io!". Bella deduzione, bravo. Era difficile arrivarci che stavo qui in Spagna per fare il Cammino di Santiago. Cioè, scarpe da trekking, zaino da trekking, bastoni e Credenzial. Ibiza, sto andando ad Ibiza. Vabbè. Veronese. Pure. Non mi parlare di Higuain, per cortesia che voi c'avete Giulietta. Però è simpatico. Sembra apposto. Arrivati ad Oviedo. Dopo un'ora di bus dall'aeroporto. I primi 8€. Vabbè. Ma dove sta sto albergue?? Stiamo girando "solo" da 2h, e avrò fatto già 10km! Una tappa, in pratica! E menomale che il primo giorno è di relax! Ah, eccolo là. Finalmente! Hola. Si, hola. Soy Pelegrín... In che senso non c'è posto?? No, vabbè è questo mó dove ci sbarca?? E soprattutto per quanto dobbiamo camminare ancora!! Ok, gracias, gracias. Ah ecco l'hotel "privato". Chissà mó questo quanto ci spara. Ah, 8€? Buono. L'altro costava 7. Ma qui almeno siamo in pochi. Io, il ragazzo alle calcagna e sto sard... Ah, no è calabrese. Ma vive a Barcellona. Parla spagnolo! Almeno può servire, che sto catalano non si capisce una mazza. Ri-usciamo? Poso lo zaino. Si? Ok, almeno si mangia. Sono praticamente digiuna! Il pilota di Madrid-Oviedo ha fortemente contribuito a farmi vomitare pure l'anima, che a momenti entravo in cabina a pilotarlo io il velivolo tanto era un incapace. Ci sediamo qui? E chi sono ste due? Ah, amiche del sard... Calabrese. Però, simpatiche. Da dove venite? Colombia??? Ed Equador?? Wow! Eh io Napoli! Italy! FB? Vuoi aggiungermi? Come si dice?? Aggregar?? E aggregami. Si, sono una presentator... Giornalista. Ehehe! Sono guapa?? Ma gracias! Ho 35 ann... 29-30?!? Me ne davate così pochi?? Ma gracias! Assai! Mmm, chissà a queste che ci serve per essere così gentili!! Hehehe! Voi che prendete? Per me carne! Bellino qui! Come si chiama la strada? Ah, Boulevard de Guascona? Una cosa del genere? Bella. Oviedo è carina, devi dire. Spe, dove inizia il cammino?? Qui? Dove sta la mattonella? Uh, ci faccio una foto! Ah, ecco la carne! Non male. Anche la cereveza. Vabbè, io tra 10 minuti sono in coma. Ma che sole che c'è! E sono le 21.30! Ah, perché siamo vicini al Portogallo, dove sono le 20.30? Per questo pare mezzogiorno?? Wow! Grazie al sardo per l'info! Calabrese, si, calabrese. Ah! Che fame che avevo! Quant'è? No, ma che paghi tu, non scherziamo. Sarà veronese ma è gentile. 11.50€. Vabbè. Basta che abbiamo mangiato. Sì, si, torniamo in albergo. Ostello. Quello che è! Ah, in camera con due... Spetta, 4 uomini?? Cominciamo bene! E mó chi sono questi altri due ragazzi?? Spagnoli? Ma che è sta puzza in questa stanza!?? Uh, maro'! Si sono tolti le scarpe i guagliuncielli! No, non mi servono i tappi alle orecchie per dormire: mi servono i tappi al naso! Cit!! Vabbè, vado prima io in bagno che sono una donna. Almeno questo! Ah finalmente una doccia!!! Carino però qui. In fondo ci è andata bene a trovare l'altro pieno. Non tutti i mali... In fondo è carino tutto. Persino la sveglia domattina alle 5.30. Vabbè, fammi sistemare un poco di cose, che domattina si parte all'alba. Anzi prima. Notteeee. Maró che puzza! Eh, c'hai ragione Robè: sarai veronese ma si vede che sei pulito. Sti due spagnoli decisamente no. Vabbè. Crollo.

 

5.30. Manco in caserma. Però ho riposato. Bene direi. Oh, ce li hai tu i biscotti e i succhi che abbiamo preso ieri? Perfetto! Maró le 5.30. Che strano. Non mi pesa però. Ok. Si, mi lavo i denti e usciamo. Uh, le conchiglie. Dunque, stanno a terra e bisogna seguire la base che indica il cammino. Apposto. Poi fuori città ci sono anche le frecce. Gialle. Capito. È ancora notte. Eh, ci voleva la maglia pesante. Fatto bene a portare quella da neve. Però questo quanto parla. Cioè, Robbè, il cammino è silenzio. Solitudine. Che ore sono? 6.10. Ahia, il tallone. Iniziamo! Spe, che ci metto una medicazione. Tutto ok. Ti ringrazio, sei gentile ma avviati pure. Ci vediamo a Grado. Si, ok, scambiamoci i numeri che non si sa mai. Buen camino anche a te. Peró. Che bella sensazione stare da sola. Non credevo. Ahhh. Uh, la conchiglia... Maró che nebbia! E che salita! Sto lasciando la città. Inizia il cammino. Ce la farò? Ma sì che che ce la farò! Sorrido! Mi fa bene la solitudine. Quanti pensieri... Uh, la freccia gialla! Di qua. Apposto. Wow. Cammino e sorrido. Sorrido e cammino. Spe, prendo il contapassi dallo zaino. Che genialata la borraccia da zaino con l'acqua che esce direttamente dalla cannuccia esterna! Che ore sono? Le 7.10. E ho già fatto 5km?? Apperó. I bastoni. Eccoli. Che poi pensavo: due voli col bagaglio a mano e mi hanno fatto portare Sti due bastoni che hanno la punta in ferro?!?! Viva la sicurezza proprio! Mah... Molto meglio con i bastoni! Direi il 20-25% di sforzo in meno! Ancora nebbia... Che paesaggi però. Che solitudine anche. Piacevole. Ma che è laggiù?!?! Una mucca!!! No, non è una mucca! È una vacca! Sono due! Ma sono enormi! No, veramente! Saranno 3-4mt! Giuro sono grandissime! Mi fissano! E se mi assalgono??! Quando mai si è visto che le mucche o vacche assalgono!!?? Ma quelle sono gigantesche! Che impressione! No, io di là non ci passo! Maró, ma quanto sono enormi! Ok, occhi bassi. Non le guardo. Magari non mi vedono. Ecco, ci sono. Che fastidio quel campanaccio!! No, non è fastidio: mi spaventa! Ma stateci voi qui in mezzo al nulla con queste bestie enormi che vi guardano!! Devo aver avuto qualche trauma infantile, sennò non si spiega che mi facciano così impressione! Passata. Apposto. Che è quello??? Aaaaahhhhh!! Un cane enorme! Ma che si mangiano qua Sti animali per essere così grandi!!!!?? Corre verso di me!! Aaaaaah. Ahhh. Ah. Ok, mi è passato accanto e non mi ha calcolata nemmeno di striscio. Ehm, forse sono un tantinello suscettibile. Ma roba di poco. Uh, sto passando dalla montagna alla foresta. Wow. Sembra quelle foreste delle favole... Che meraviglia. Che pace. Che silenzio. Uh, c'è un altro pellegrino. Due. Spe, 5. Hola! Buen camino a ty! Gracias! Che simpatici! Qui sorridono tutti. Anche gli autoctoni. Ti vedono e ti augurano buon cammino. Oddio, ne avrò visti pochi ma sono cordiali. Cosa c'è lì? Un ruscello! Col ponte... Che meraviglia. Mi piace il contatto con la natura. Mi aiuta a staccarmi dai pensieri. A non pensare, al messaggio, al whatsapp. Che posto... Cavolo, però è faticoso. Iniziano a fare male i piedi, un poco. Sono stanca. Che ore sono? Le 9.30. In cammino da tre ore. Ma non c'è un bar?!? Ho superato la prima tappa, Escalmplero. Solo 11km da Oviedo. Troppo vicina per fermarmi già. La prossima è Grado. 23km in tutto. Ma un bar?? Perdon, por un bar?? Ah, non lo sai. Gracias. Non ce la faccio. Sono distrutta. Dio, è pure finita l'acqua. Sento caldo. Mi sono tolta il maglioncino ma sto sudando. Un bar. Non c'è un bar?? Non c'è niente! Ho fame. Sono quasi le 10. Ok, calma. Calma, com'era? Ascolta il tuo corpo. Ok. Mi fermo. Mi cambio i calzini e la maglietta. Ma chi mi deve vedere sto in mezzo al nulla... Uhhhh. Ecco. Mi siedo lì. Ecco, calzini, maglia. Questi li appendo dietro che si asciugano... Uhhhh. Va meglio. Moooolto meglio. Ah. Posso riprendere. Spetta tolgo la modalità aereo al Cell. Lisa! Le mando un messaggio. E anche a mamma. Chi sta chiamando? Uè, Robè! Sì tutto ok! Tu dove sei? Ah al bar!!!!??? A che km sta? Intorno al 18?? Io sto a 17!!! Maró assafà! Si, ci vediamo a Grado! Grazie. Però, è gentile. Camminiamo. Wow. Ma cos'è!? Sembra quei paesaggi da casa nella prateria! Ma ci abitano in queste ville stupende!!! Che piscina! Cavolo, stanno attrezzati per stare in mezzo al nient... Oddio, di nuovo le vacche enormi!!! Ma che palle! Ok, passa, svelta! Veloce!! Fatto. Ahhhh, che bello adesso. Surreale: un sentiero immerso nei campi, grano alto ma bellissimo. Come cambiano in fretta i paesaggi. Dal bosco da favola alla distesa di grano. Che pace. Uh, una pellegrina! Hola! Buen camino! Sai per il bar? Ah, è vicino?? Gracias! Olè! Vicinoooo! Olè!!! Mmm, ma che idea hanno questi di vicino??? Sto al km 19! Ma dove sta??? Pardon, signora, por a bar?? Che schifo di spagnolo che parlo, Maró! Uh, ha capito! Acchì?? Es vicino?? Poco camino?? Gracias! Speriamo! Sarà dopo sta discesa... Ahia. Il ginocchio. Uh Maró, che male! Fammi usare i bastoni. Va meglio. Maró, che dolore! Andiamo bene! Ma dove sta sto benedetto bar??? Mó chiedo a quell... Ma è il bar! Eccolo!!!! Miracolo! Ahhhh! Buenos dias! Poder mangiar?? Mangiare. Panin... Si?? Grazie! Carne con peperoni nel panino! Sono le 11.30. Ma va benissimo! Ahhhh. Ahia sto ginocchio. Vabbè, me la prendo con calma. Uh c'è il wi-Fi. Mamma. Whatsapp. Peppe. Chiamo Luisa. E l'editore del libro. Aspetta rispondo alla mail. Fatto. Apposto. Caffe, por favor. Gracias. Maró che ciofeca! Vabbè. Pago. Por Grado? 6km? Gracias. Ma non si arriva mai??? Però... Che distese immense. Che è sto paesino?? Uà, che carino. Ma ci sarà una scuola? È talmente piccolo. Hola! Gentili veramente Sti spagnoli. Bello qui... Stradine strette, case bellissime. Che pace. La conchiglia e la freccia. Di qua. Chissà come vivono tranquilli da queste parti... Cavalli! Enormi, manco a dirlo! Ma non mi fanno impressione. Mi guardano. Che belli... Uno nero. L'altro c'ha la coda bionda. Sono liberi. Ma non si muovono. Mangiano l'erba in questa distesa immensa... È bellissima. Veramente. Campanacci?? Le vacche! Aspe, stanno lontane! Molto. Da qua sembrano piccole. Riesco a guardarle. Menomale. Pronto? Uè, Robbè! Arrivati? Ah, hanno occupato l'ultimo posto nell'albergo dei pellegrini!? Eh, sono le 2 di pomeriggio, lo so, ma me la sono presa con calma: doloretto al ginocchio. Sto bene. Vabbè c'è un hotel? Sto arrivando. Ma dove sta? Aspe, c'è un ragazzo che mi sta accompagnando. Si sarà mosso a compassione, che ne so. Como? Si, si, en camino. È tosto?? Apposto. Mó me ne torno a casa. Ma è muy bello? Ok. Resto! Ovvio che resto. Eccomi. Hotel? Come si chiama? Autobar? Ma dove sta??? Qua si cammina per qualunque cosa! Eccolo. C'è posto por favor?? Si??? Una camera addirittura?? Ottimo. Vabbè, pago di più, ma vuoi mettere a stare quieta??? Ahhhhh che bella cosa la doccia! Devo prendere un anti-infiammatorio per il ginocchio. Oggi ho esagerato. Domani, 20km al massimo. Oggi quasi 30. Domani mi fermo a Salas. Ora mi riposo. Bello sto cammino. Ah che pace... Scendo un attimo giù. Perdon, por en un dolor al sinocchio?!? Il mio spagnolo è più una ciofeca del caffè del bar! Uh, ha capito! Saranno abituati al peggio qua! Voltaren qualcosa?? Va benissimo! Gracias! Dopo mangio qualcosa. E poi crollo. Domani pare si inizi con una salita ma poi sarà più tranquillo. Chissà cosa mi aspetta. Ora dormo. Domani albaaaa. Ma non mi pesa. Bello sto cammino.

 

 

 

Nunzia Marciano

 

Napoli Magazine

 

Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com

ULTIMISSIME L'APPUNTO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>>