Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIV n° 18
sabato 29 aprile 2017, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
ATTUALITÀ
UNGHERIA - Save the Children, la detenzione nei container dei bambini richiedenti asilo è inumana e illegale
09.03.2017 13:14 di Napoli Magazine

“La decisione dell’Ungheria di detenere bambini richiedenti asilo in container metallici è prima di tutto inumana e anche illegale. Questo espone i bambini, molti dei quali sono già in condizioni di estrema vulnerabilità per essere fuggiti da violenze ed essere stati sfruttati dai trafficanti, ad ulteriori gravi rischi,” ha dichiarato Ester Asin, Direttore dell’Ufficio di Bruxelles di Save the Children - l’Organizzazione internazionale dedicata dal 1919 a salvare i bambini in pericolo e a promuovere i loro diritti - in merito alla decisione dell’Ungheria di detenere minori in attesa di risposta alla loro richiesta di asilo. “I bambini sotto detenzione manifestano spesso i sintomi del disordine da stress post-traumatico, come ansia, insonnia, incubi, e enuresi notturna. La frustrazione e la sensazione di essere senza speranza può anche determinare comportamenti aggressivi o di autolesionismo.” “I nostri partner che operano a Belgrado per garantire l’identificazione, la presa in carico e attività di consulenza legale per i minori stranieri sul territorio, hanno raccolto testimonianze orrende sugli abusi commessi in Ungheria durante respingimenti effettuati da Polizia e Guardie di Frontiera. In uno di questi casi, lo scorso Febbraio, è emerso che un gruppo di 70 persone, nel tentativo di attraversare il confine, è stato fermato dalla Polizia ungherese, che li ha costretti a sdraiarsi in terra con le mani distese sul suolo, sulle quali hanno camminato con gli scarponi mentre i cani da guardia venivano sguinzagliati sui corpi distesi. Dopo essere stati brutalmente percossi sono stati respinti in Serbia. In questo gruppo c’erano anche minori soli tra cui un bambino afghano di soli 16 anni, che era già arrivato a Belgrado con un braccio rotto.” “L’Unione Europea, che è fondata sulla difesa dei diritti umani, non deve permettere all’Ungheria di regredire così brutalmente sulla tutela e difesa dei diritti umani e, i particolare, di quelli dei bambini. I Paesi membri devono rispettare i diritti e i principi fondanti dell’Unione, e rispondere di queste gravissime violazioni.”

ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>>