Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIV n° 48
martedì 21 novembre 2017, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
CULTURA & GOSSIP
CURIOSITA' - È tempo di zeppole allo Chalet Ciro, protagoniste dietro le vetrine della pasticceria
17.03.2017 19:21 di Napoli Magazine

NAPOLI – Fritte o al forno, a Napoli non è San Giuseppe senza le zeppole. La storica pasticceria Chalet Ciro sul lungomare di Mergellina, tra le imprese dolciarie più apprezzate della città, nel rispetto dell’antica tradizione ha cominciato da giorni la produzione di meravigliose zeppole di qualità, in onore del Santo Patrono della Chiesa cattolica. Con il tepore delle prime giornate di sole, dopo un rigido inverno, davanti al maestoso Vesuvio che si affaccia sul mare, è tutto pronto allo Chalet Ciro per allietare il palato in occasione del 19 marzo, dove le classiche specialità dietro le vetrine della pasticceria si alternano a deliziose e sontuose zeppole farcite con crema pasticcera e amarene sciroppate, preparate nella versione più conosciuta della ricetta. Dolce tipico dell’Italia meridionale, la zeppola assume un’impronta diversa a seconda della regione, città o provincia nella quale è preparata. Fritte, al forno, salate, tipiche del periodo di Carnevale, impanate nello zucchero o farcite con la crema di ricotta, tutte irrinunciabili tradizioni culinarie per la festa del papà. L’impasto soffice, la crema setosa, morbida e dal gusto sofisticato: il segreto della zeppola Chalet Ciro è tutto nell’equilibrio degli ingredienti genuini utilizzati. Fritta ma non unta, croccante ma non secca, è una pasta choux eccellente che, senza assorbire troppo olio, resta asciutta, bella e delicata che si scioglie in bocca. Buonissime e leggere al forno, ma non è goduria fino in fondo se le zeppole non sono quelle fritte, secondo Antonio De Martino, titolare dello Chalet Ciro, goloso implacabile, attento a promuovere come sempre la cultura gastronomica partenopea nel rispetto rigoroso delle migliori materie prime. «Il giorno di San Giuseppe coincide con la Festa del papà – dice De Martino –, ed è una ricorrenza speciale per ricordare il padre più antico e famoso del mondo con uno dei dolci più rappresentativi e tanto amato dai napoletani e non solo».

ULTIMISSIME CULTURA & GOSSIP
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>>