Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIV n° 30
venerdì 21 luglio 2017, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
IN EVIDENZA
IL DATO - Napoli, finalmente si vince al Castellani per la prima volta nella storia
20.03.2017 11:24 di Napoli Magazine Fonte: Salvatore Malfitano per il Roma

Dopo tutte le difficoltà, il bilancio tra un primo tempo fantastico e il secondo da dimenticare dice bene al Napoli, che rientra dall’impegno di Empoli con una vittoria, tanti dubbi ma anche con una maledizione interrotta. Nella loro storia, infatti, mai gli azzurri erano riusciti ad avere la meglio dei toscani allo stadio Castellani. Dieci partite (sei in Serie A e quattro in B), soltanto sei reti fatte e 19 subite, prima di ieri. Gli ultimi precedenti, peraltro, hanno sempre visto l’Empoli trovare il gol con una discreta facilità. Nell’aprile 2015, il Napoli di Benitez veniva sconfitto 4-2 proprio da Maurizio Sarri, al suo ultimo anno sulla panchina dei toscani. Poi, lo stesso tecnico ha ritrovato le stesse difficoltà pochi mesi dopo.

 

ERA UNA SQUADRA ancora da scoprire, dove gli equilibri migliori, che hanno portato alla versione attuale, non erano stati raggiunti. Finì 2-2, in quella che fu l’ultima volta che il Napoli scese in campo con due punte. Poi, il passaggio al 4- 3-3 elevò esponenzialmente sia la spettacolarità che la concretezza, riaccendendo il sogno scudetto. Nonostante l’ennesima prestazione altalenante, però, gli azzurri si congedano momentaneamente dal campionato con un’altra vittoria in trasferta e un tabù sfatato. Nei giorni che Sarri potrà ritagliarsi per gli impegni delle nazionali, dove saranno impegnati una dozzina dei suoi, studierà le soluzioni possibili per limitare al meglio questi crolli di concentrazione, che rimettono pericolosamente in discussione risultati praticamente già acquisiti. Così ieri, così contro la Roma, così contro il Milan: la storia recente delle trasferte del Napoli parla di vittorie ma anche di un volto oscuro, di una squadra che ancora manca di maturità. Chissà che nelle percentuali di miglioramento, sciorinate da Sarri alla vigilia della partita con l’Empoli, non ci sia anche in programma un lavoro mirato a migliorare questo aspetto. Perché, di tutti i difetti, è proprio l’incostanza nei 90 minuti il difetto più preoccupante.

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>>