Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XV n° 29
giovedì 19 luglio 2018, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
IN EVIDENZA
TMW - Bucchioni: "Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo, De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare, ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte, Sarri e Zola al Chelsea"
13.07.2018 00:39 di Napoli Magazine Fonte: Tuttomercatoweb

Enzo Bucchioni, giornalista, scrive su Tuttomercatoweb: "De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore come Ancelotti se non c’è l’idea di fare un Napoli ancora più competitivo per lo scudetto. E allora? Chi arriverà dopo Verdi e Fabian Ruiz? E’ chiaro che in attacco Milik non può bastare, soprattutto dopo i due gravi infortuni dai quali fatica a riprendersi. E’ altrettanto chiaro che al Napoli e a Napoli serva un colpo per eccitare la piazza. Chi? Come? Perché? Attorno a questi interrogativi, sott’acqua come ama fare, sta da tempo lavorando Aurelio De Laurentiis e da uomo di cinema qual è, sa benissimo che in questo momento c’è bisogno di un colpo di teatro. E non è una contraddizione. Il presidente del Napoli dopo una attenta analisi della situazione, sommando i pro e i contro si è convinto che soltanto un nome può tornare a infiammare il San Paolo, eccitare i tifosi: Cavani. La pista è buona, Adl ci sta lavorando da tempo, c’è l’ok di Ancelotti. Cavani è stato venduto proprio al Psg nel 2013 per una somma sui 70 milioni di euro fra annessi e connessi e guadagna circa 12 milioni netti. Sulla carta sembra un’operazione economicamente impossibile. Ma Adl non molla. Il giocatore ha 31 anni, è vero, ma un fisico integro, può giocare ad alto livello per almeno tre anni. Vuole lasciare il Psg perché nonostante la pace più o meno di facciata, il rapporto con Neymar resta complicato, la crescita di Mbappè lo metterà sempre di più ai margini. Napoli, lo ha sempre detto, resta il posto dove è stato meglio. Come fare? Adl sta trattando con il Psg che è partito da una richiesta di 50 milioni. Oggettivamente troppi per un giocatore di 31 anni pagato 70 quando aveva 26 anni. Facendo due calcoli, il prezzo ideale per Adl è attorno ai 35 milioni. Pochi per il Psg, attorno a quaranta potrebbe esserci un punto d’incontro. De Laurentiis sa benissimo che sono tanti soldi per un trentunenne, ma non è difficile rientrare in qualche con operazioni di sponsorizzazioni, marketing e la spinta dei tifosi con merchandising e incassi allo stadio. E l’ingaggio? Si sta lavorando su una spalmatura e il giocatore è sostanzialmente d’accordo, anche sui diritti d’immagine potrebbe esserci un punto d’incontro. Insomma, potrebbe finire come è finita con Ronaldo. Dopo i primi rumor sembrava un’operazione impossibile, poi farla è convenuto a tutti. Anche il Psg sa benissimo che tenere ancora una pentola a pressione nello spogliatoio rischia di compromettere la resa sul campo e visto che Neymar è stato dichiarato incedibile anche dopo le pressioni del Real, privarsi di Cavani forse è la strada giusta. Adl si è dato ancora un paio di settimane per capire fino in fondo, poi passerà su altri obiettivi che comunque sono fissati. Il Napoli, però, rischia di perdere il suo direttore sportivo Giuntoli. E’ vero che ha ancora un anno di contratto, ma non ha intenzione di rinnovare. Vuole fare nuove esperienze e lo sta tentando fortemente il Milan. Il fondo Elliott, nuovo proprietario, ha le idee molto chiare sul breve, sul medio e lungo periodo. Il presidente di Elliott, mister Singer, ha giustamente confermato Gattuso spendendo parole di elogio. Giustamente, dico io. In questo momento di passaggio le cose vanno fatte per gradi e l’allenatore va rinforzato. Le idee sul futuro, però, sarebbero altre. Insieme a Giuntoli si pensa di portare al Milan come allenatore Antonio Conte che proprio ieri è stato esonerato dal Chelsea dopo una stucchevole telenovela che finirà in mano agli avvocati. E’ chiaro che non si farà subito, ma nel momento in cui al Milan cambieranno drasticamente le cose, si prenderà in esame anche il comparto tecnico. A proposito di Sarri, oggi o l massimo domani, finalmente diventerà l’allenatore del Chelsea. Al suo fianco ci sarà anche Zola. L’accordo era stato raggiunto con entrambi nel mese di aprile (come da noi anticipato su questo giornale online), ma non è stato facile per Sarri risolvere il rapporto con De Laurentiis e per Abramovic esonerare Conte. Clausole, vincoli e penali con forti cifre, ma anche motivi di orgoglio per Adl, hanno bloccato tutto per due mesi. Ora è fatta".

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in