Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XV n° 29
sabato 21 luglio 2018, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
L'ANGOLO
AIA - Nicchi: "Introdurre il Var è stata una scelta importante e coraggiosa, un vanto avere Rocchi ancora in gioco al Mondiale"
05.07.2018 13:35 di Napoli Magazine

NAPOLI - A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Marcello Nicchi, presidente AIA. Ecco quanto evidenziato da "Napoli Magazine": "Introdurre il Var in serie A è stata una scelta importante e anche coraggiosa. Non era scontato che dopo pochi anni di sperimentazione i nostri arbitri fossero così bravi e la cosa non è passata inosservata e infatti dopo il successo della Var in Italia, siamo riusciti a farla imporre anche al Mondiale e anche lì i nostri arbitri stanno dando un grande contributo. Orsato, Irrati e Valeri stanno dando una grande mano e questo è un grande successo. La Var ai Mondiali è stata applicata in senso restrittivo, poche volte si è andati al monitor, si preferisce fidarsi di più di ciò che avviene nella sala Var. L’applicazione è stata ottima e questo ci dà grande entusiasmo perché il prossimo anno dovrebbe essere un successone. Cosa bisogna correggere? Aspettiamo che si concluda il Mondiale e poi gli organismi internazionali faranno delle valutazioni. La Var sta portando sicurezza e tranquillità negli stadi e sono molte le federazioni che vorrebbero introdurla. I nostri arbitri hanno lavorato tanto e i risultati sono stati quasi inaspettati. Nel Mondiale siamo ancora in gioco non come Nazionale ovviamente, ma come mondo arbitrale perché Rocchi ha arbitrato 3 partite ed è un record. Ha diretto molto bene ed è ancora in gioco perché tra i 15 arbitri mandati a casa non rientra il suo nome. In più, non c’è nella designazione dei quarti e questo fa ben sperare perché poi ci saranno solo altre 3 partite da giocare: le due semifinali e la finale. Non voglio illudermi, ma speriamo che almeno una semifinale possa arbitrarla. Gli sto dicendo di stare tranquillo perché al di là di come andrà è già stato un successo. Il livello arbitrale al Mondiale è stato buono, tutti gli arbitri in campo sono diventati coraggiosi e sereni, anche di fronte ad episodi importanti, e questo vuol dire che è stato fatto un grande lavoro. Ed è stato fatto a casa nostra perché gli arbitri dei Mondiali sono stati preparati a Coverciano. Abbiamo visto stadi bellissimi in queste partite in Russia e terreni di gioco inappuntabili, oltre a tribune piene di gioia. Con la Var l’arbitro opera in maniera serena e tranquilla perchè decide ciò che vede e sa che se la sua decisione fosse drasticamente sbagliata, c’è qualcuno che lo corregge, ha alle spalle un portiere che para il rigore. Chi decide è sempre l’arbitro perché di fronte ad un dubbio resta la visione del campo che aggiunge quell’emotività che la macchina non può dare. A volte l’arbitro non va al Var perché quello che gli arriva è affine a ciò che sente sul campo. Siamo prontissimi per la prossima serie A, nel giro di qualche anno perderemo il 50% degli arbitri internazionali per limite d’età o di appartenenza. Damato, Tagliavento e Rizzoli sono già andati via, ma è da anni che lavoriamo sui giovani e ci sono state anche belle novità. Di Bello, Massa, Maresca e Fabbri per esempio sono stati già inseriti in partite importanti e hanno risposto alla grande e dietro di loro altre decine di arbitri stanno crescendo in maniera veloce. Il gruppo degli arbitri non è come 20 anni fa in cui ce n’erano solo 5 fortissimi, oggi sono tutti fortissimi”.

ULTIMISSIME L'ANGOLO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in