Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIV n° 18
martedì 25 aprile 2017, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
L'EDITORIALE
L'EDITORIALE - Antonio Petrazzuolo: "Lezione di calcio in 8 minuti, nel cuore di Lorenzo, nell'anima di Dries e Josè, più elogi che critiche!"
22.01.2017 18:10 di Napoli Magazine

NAPOLI - Galliani che si complimenta con Sarri al termine della sofferta ma meritata vittoria del Napoli a San Siro rappresenta di sicuro un bel gesto sportivo, anche se qualcuno ha già ipotizzato qualche timido approccio per il futuro, come pure l'abbraccio consolatorio di Callejon al connazionale Suso. Ci sono però altre due immagini che mi hanno colpito, oltre al gran gol di Callejon, servito con un assist al bacio da Mertens (quest'ultimo abile anche a lanciare qualche minuto prima, "no look", il numero 24 del Napoli, gesta che hanno spento la delusione successiva per i due gol facili divorati per stanchezza), ed entrambe portano la firma di Lorenzo Insigne. La prima relativa al gol: controllo e sinistro secco, sbam! Donnarumma ci prova, si allunga, ma non ci arriva. La seconda immagine riguarda l'esultanza di Lorenzo: il cuore, che racchiude non solo la dedica alla famiglia, ma l'emozione di una rete che ha zittito San Siro. Ho ascoltato e letto critiche aspre nei confronti del Napoli, probabilmente eccessive. Perchè è vero che gli 8 minuti da favola, tecnicamente e coralmente perfetti, espressi dal team Sarri, hanno fatto impallidire un pò tutti, ma è anche vero che il gol concesso a Kucka per errore di Jorginho, in collaborazione con Tonelli, ha evidenziato una maturità della squadra ancora da acquisire: c'è stato un eccesso di sofferenza, ma questo non vuol dire però che il gran calcio espresso vada messo in secondo piano. Eh sì, perchè di questo si è trattato. Il Napoli ha dato una lezione di calcio a Milan in appena 480 secondi. Per cui, al di là dei goffi tentativi di Rocchi, che si conferma fischietto scadente (per il rigore non concesso dopo due minuti a Mertens e per le ammonizioni evitabili a Tonelli e proprio al belga per una simulazione inesistente), vanno sottolineati i meriti del Napoli. Una vittoria pesantissima, che rilancia le quotazioni degli azzurri. Non me ne vorranno quanti erano pronti a sminuire Strinic, che a mio avviso ha fatto il suo onestamente, e ad esaltarsi per ogni singolo ed innocuo passaggio dei rossoneri andato a buon fine. Qui c'è un'orchestra che incanta, con e senza falso nueve, con e senza infortunati, con e senza i convocati in Coppa d'Africa. Si chiama Napoli, musica maestro!

 

 

Antonio Petrazzuolo
 
 
Napoli Magazine
 
 
Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com 

ULTIMISSIME L'EDITORIALE
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>>