Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 19
sabato 8 maggio 2021, ore
ATTUALITÀ
FOCUS SALUTE - Il dr. Quarto a "NM": "La biopsia fusion all'Urocenter, ecco in cosa consiste"
19.04.2021 13:00 di Napoli Magazine

NAPOLI - La cura del cancro alla prostata si basa, soprattutto, sull'accurata e precoce individuazione del tumore. Attualmente la biopsia (approccio transrettale o transperineale) è l'unico mezzo in grado di determinare la presenza di cancro e stabilire la prognosi corrispondente, in base alla dimensione e all'aggressività dei tumori.

 

In tutto il mondo, oltre il 90% delle biopsie prostatiche vengono ancora eseguite "alla cieca". Cioè, senza l'uso della tecnologia per orientarsi all'interno dell'organo.

 

Sotto la guida del dr. Giuseppe Quarto, urologo andrologo, l’Urocenter offre un test all'avanguardia per quando i medici sospettano che tu possa avere un cancro alla prostata: la biopsia fusion. Questo test combina la risonanza magnetica (MRI) con immagini ecografiche in tempo reale in modo da tracciare, indirizzare e campionare con precisione il tessuto prostatico che sembra essere sospetto.

 

 

“Eseguiamo biopsie di fusione in ambiente ambulatoriale in anestesia locale – spiega il dr. Quarto -. La procedura richiede alcuni minuti. Il nostro team ha una significativa esperienza con i sistemi di biopsia fusion. Iniziamo il processo in due fasi, eseguendo una risonanza magnetica. Le informazioni vengono caricate dalla risonanza magnetica in un software che produce un modello tridimensionale della prostata. I radiologi segnano i punti di cui sono preoccupati, chiamandoli "bersagli". E trasferiamo quindi queste informazioni sul sistema di biopsia a fusione per la biopsia mirata. Per tre decenni, gli urologi hanno diagnosticato il cancro alla prostata utilizzando il test del sangue dell'antigene prostatico specifico (PSA) e gli strumenti di screening per l'esame rettale digitale (DRE). Se sono indicati ulteriori test, eseguiamo una biopsia con ago; usiamo da 12 a 24 aghi, erogati per via transrettale e guidati da ultrasuoni. Sfortunatamente, la biopsia con ago ha dei limiti; anzi, a volte ci riferiamo alla procedura come cieca” perché dobbiamo scegliere a caso le aree da testare. Ciò significa che possiamo perdere alcuni tumori gravi e finire per curare alcuni tumori non minacciosi (indolenti)”.

 

L’Urocenter è uno dei centri del Paese coinvolti nella ricerca e nello sviluppo dei progressi della tecnologia della biopsia di fusione.

 

Il dr. Quarto è uno dei primi specialisti urologici con esperienza in questo tipo di tecnica.

 

Per ulteriori info: www.andrologo-urologo.com

ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>