Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 50
giovedì 9 dicembre 2021, ore
ATTUALITÀ
COP26 - Save the Children: i minori attivisti invitano i leader ad agire ora per evitare che il catastrofico cambiamento climatico destabilizzi il futuro dei giovani di tutto il mondo
26.10.2021 13:54 di Napoli Magazine

I leader devono agire ora per evitare che il catastrofico cambiamento climatico destabilizzi il futuro dei giovani di tutto il mondo, dicono i ragazzi in vista della COP26. I minori attivisti provenienti da Norvegia, Sri Lanka e Zambia affermano che il tempo stringe per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali e prevenire un'"ingiustizia intergenerazionale".

 

Una recente ricerca pubblicata da Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, e dalla Vrije Universiteit Brussels (VUB) ha rilevato che i bambini nati nel 2020 dovranno affrontare molte più ondate di calore, inondazioni, siccità e incendi rispetto ai loro nonni in base agli impegni di riduzione delle emissioni concordati a Parigi nel 2015. Secondo il rapporto, i Paesi a reddito medio e le comunità svantaggiate saranno i più colpiti.

 

“Vedo spesso gli impatti dei cambiamenti climatici nel mio Paese, che si tratti di siccità, inondazioni o frane. Di fatto questo significa che i bambini a volte non possono andare a scuola perché non possono arrivarci fisicamente. Viviamo in prima persona l’impatto che il cambiamento climatico sta già avendo sull'istruzione. Questo mi rattrista perché l'istruzione è un bisogno fondamentale: è il nostro futuro" ha detto Dilmani, 14 anni, dello Sri Lanka.

 

Emanuel, 14 anni, è un attivista per il clima e fa parte di un gruppo di minori esperti sul clima in Norvegia. Ha affermato: “Noi giovani forse non siamo climatologi, ma sappiamo qualcosa di importante. Dobbiamo agire ora! Prima che sia troppo tardi, allora ci pentiremo. I leader di oggi hanno il futuro dell'umanità sulle loro spalle, il nostro futuro”.

 

La crisi climatica è una crisi dei diritti dei bambini, sostiene Save the Children. Sta rimodellando il nostro mondo con gravi implicazioni per i minori di oggi e le generazioni future.

 

Secondo il rapporto di Save the Children e VUB, “Born into the Climate Crisis: perché dobbiamo agire ora per garantire i diritti dei bambini”, i nati lo scorso anno dovranno affrontare in media sette volte più ondate di caldo torrido, 2,6 volte episodi di siccità, 2,8 volte di inondazioni fluviali, quasi il triplo dei fallimenti dei raccolti e il doppio degli incendi di quelli nati 60 anni fa.

 

Molti bambini in tutto il mondo stanno già subendo gli effetti della crisi climatica. La tredicenne Bailasan* e la sua famiglia vivono in una città nel nord-est della Siria, dove la siccità, il basso livello dei fiumi e le infrastrutture danneggiate hanno privato milioni di persone di acqua. A causa di questa crisi idrica, la famiglia di Bailasan non ha ottenuto alcun raccolto in quattro anni. Insieme a molte altre famiglie della zona, sta seriamente pensando di partire per trovare una nuova terra.

 

A Bailasan manca la natura con cui è cresciuta, sottolinea che è stata rovinata dalla siccità: “La vegetazione era così bella prima. C'erano melograni e ulivi qui. C'era anche un grande albero di mirtilli. Mangiavamo i suoi frutti. Mio padre metteva le altalene sugli alberi e i miei fratelli e io ci giocavamo, ma ora non c'è più perché il fiume Al Khabour non ha più acqua. Tutti i miei ricordi sono andati con quegli alberi. Non è rimasta acqua di cui la vegetazione possa nutrirsi. Si è prosciugato tutto”.

 

Senza drastiche azioni di mitigazione da parte dei Paesi ad alto reddito e di azioni di riduzione delle emissioni per limitare il riscaldamento a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali, i ragazzi affermano che saranno i bambini a essere gravati dagli impatti più pericolosi della crisi climatica.

 

Secondo Save the Children, le azioni dovrebbero essere fondate sull'interesse superiore dei bambini che hanno ereditato un problema non causato da loro.

 

L'avvertimento per i più piccoli arriva settimane dopo che il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha adottato risoluzioni rivoluzionarie che riconoscono l'accesso a un ambiente pulito e sano come diritto fondamentale e istituito un nuovo Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla promozione e la protezione dei diritti umani nel contesto del cambiamento climatico.

 

I principali esperti di salute pubblica hanno anche avvertito dei crescenti problemi di salute mentale per i bambini e i giovani preoccupati per l'ambiente.

 

“Ogni giorno i bambini con cui lavoriamo ci dicono che i leader non stanno facendo abbastanza per limitare i catastrofici cambiamenti climatici e che hanno bisogno di vedere più azioni. I più giovani, in particolare quelli provenienti da Paesi a basso reddito, hanno contribuito di meno alla crisi climatica, ma continueranno a soffrire di più. L'ONU ha affermato che questo è un codice rosso per l'umanità, crediamo che sia soprattutto un codice rosso per i bambini. Tuttavia, proprio i più colpiti continuano ad avere meno voce e rappresentanza, i leader devono ascoltare e rispondere alle preoccupazioni dei minori e fare tutto il possibile per proteggere il loro futuro. Questa COP rappresenta una delle ultime opportunità per tenere sotto controllo l'emergenza climatica e stabilizzare l'aumento delle temperature. La COP26 sarà definita dalla sua ambizione e leadership per un'azione drastica per il clima o dalla sua incapacità di ascoltare i bambini e proteggere il loro futuro” ha dichiarato Yolande Wright, Global Director of Child Poverty and Climate presso Save the Children.

 

Save the Children chiede ai leader della COP26 di intraprendere un'azione urgente sulla crisi climatica. Ritiene che dovrebbero impegnarsi a incrementare i finanziamenti per l'adattamento e il sostegno ai Paesi a basso e medio reddito più colpiti che stanno già affrontando gli impatti dei cambiamenti climatici.

 

Queste sono alcune delle raccomandazioni[1] dei ragazzi ai leader della COP26: i decisori dovrebbero prendere in considerazione tutte le informazioni che ricevono sui cambiamenti climatici, ridurre i combustibili fossili e passare all'energia rinnovabile e verde, i governi dovrebbero dare più sostegno alle comunità per ridurre l'inquinamento e l'uso di combustibili fossili e assicurarsi che le alternative di energia verde e rinnovabile siano accessibili a tutte le persone, assicurarsi che i diritti di ogni bambino siano sempre riconosciuti, i bambini sono i leader di domani e le loro voci devono sempre essere rispettate e incluse nelle decisioni sul clima.

ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>