Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 49
domenica 5 dicembre 2021, ore
ATTUALITÀ
FOCUS SALUTE - Il dr. Quarto a "NM": "La malattia di Peyronie, ecco come curarla"
25.10.2021 14:18 di Napoli Magazine

La malattia di Peyronie (PD) è una condizione caratterizzata da dolore del pene, curvatura, accorciamento e disfunzione sessuale. La condizione è comune: alcuni studi suggeriscono che dall'8% al 10% degli uomini hanno segni o sintomi di PD. Una volta si pensava che questa condizione fosse una condizione che colpiva principalmente gli uomini di mezza età, ma, all’Urocenter, il dr. Quarto ha riscontrato che la condizione è presente in pazienti giovani come adolescenti e anche in molti pazienti tra i 70 e gli 80 anni.

 

L'ipotesi principale è che il morbo di Peyronie sia un disturbo della guarigione delle ferite del pene che si verifica negli uomini geneticamente predisposti in risposta al trauma del pene. Alla fine, si forma una cicatrice (placca) sulla tunica albuginea del pene, impedendo alle normali fibre della tunica altamente elastiche di espandersi nella zona interessata, mentre il pene si riempie di sangue durante l'erezione. Questo disturbo si traduce nelle classiche modifiche alla forma e all'aspetto del pene, come la curvatura.

 

"La maggior parte degli uomini che si presentano con PD non ricorda un episodio specifico di trauma, come un'errata spinta durante un rapporto sessuale penetrativo", afferma il dr. Giuseppe Quarto, urologo andrologo, direttore dell’Urocenter di Napoli. "Piuttosto – prosegue -, potrebbe essere che pressioni eccessive sul pene eretto durante il rapporto sessuale creino ciò che chiamiamo microtraumi, innescando così una cascata infiammatoria che termina con la formazione di cicatrici”.

 

"Per fortuna, il morbo di Peyronie è una condizione benigna, quindi è la gravità dei sintomi e il livello di disturbo al paziente che determina se è necessario un trattamento. Per gli uomini con sintomi meno gravi, semplicemente sapendo che qualcosa di più serio come la malignità non è il presente, può essere tutto ciò che è necessario.

 

Se i sintomi sono abbastanza gravi da rendere l'attività sessuale più difficile o addirittura impossibile, è indicato un trattamento attivo. L'American Urological Association (AUA) raccomanda che una valutazione formale del pene eretto sia eseguita dal medico valutatore. Anche se le immagini possono essere utili, il modo più accurato per completare la valutazione è creare un'erezione artificiale in studio e misurare la deformità con un goniometro", afferma il dott. Quarto

 

Determinazione delle strategie di trattamento ottimali

 

Negli ultimi tre secoli, una moltitudine di trattamenti sono stati usati per trattare la curvatura, inclusi approcci esoterici come l'arsenico, il mercurio e l'elettricità, così come le comuni terapie impiegate oggi. Ci sono tre punti chiave da sottolineare quando si considera la strategia di trattamento ottimale:

 

Indipendentemente dal fatto che il paziente abbia o meno una funzione erettile di base adeguata

 

Per quei pazienti con grave disfunzione erettile di base, il trattamento della sola curvatura del pene non è ottimale. "Anche se una discussione sulla gestione dei pazienti con PD e disfunzione erettile concomitante va oltre lo scopo di questo articolo, è sufficiente dire che diverse opzioni, incluso l'intervento chirurgico, vengono utilizzate con alti livelli di soddisfazione del paziente", afferma il dott. Quarto.

 

“Il raddrizzamento chirurgico attraverso procedure come la plicatura del pene o l'incisione e l'innesto della placca rappresentano il modo più rapido e affidabile per correggere la deformità del pene, molti pazienti però desiderano approcci meno invasivi, in particolare durante i primi 6-12 mesi (fase acuta).

 

Molti diversi agenti orali sono stati studiati con vari livelli di rigore accademico. Sfortunatamente, in questo momento non ci sono prove evidenti a sostegno della monoterapia orale e il gruppo delle linee guida AUA in realtà raccomanda di non utilizzare agenti comuni tra cui vitamina E, aminobenzoato di potassio e tamoxifene. La terapia di trazione del pene è un'opzione eccellente che può essere utilizzata sia nella fase acuta che in quella cronica del PD. Sono disponibili diversi sistemi di trazione e vi sono sia dati scientifici che clinici di base a supporto della terapia di trazione per il morbo di Parkinson. I dispositivi di trazione mettono in tensione il pene flaccido. La forza viene traslata alla placca peniena e promuove il rimodellamento attraverso un processo biomeccanico noto come meccanotrasduzione.

 

La terapia con onde d’urto a bassa intensità sul pene è l'unico trattamento non chirurgico che ha dimostrato in modo affidabile di aumentare la lunghezza del pene in alcuni pazienti. Questo risultato è particolarmente rilevante, dato che molti pazienti considerano la perdita di lunghezza del pene come la conseguenza più devastante del PD", afferma il dott. Quarto.

 

"Infine, le iniezioni intralesionali direttamente nella placca peniena con PRP sono opzioni eccellenti per prevenire la progressione e migliorare la deformità del pene. Anche se questo miglioramento può sembrare ancora una volta modesto, in pratica vediamo molti pazienti che sperimentano benefici significativi con la collagenasi e questo risultato è supportato da più serie pubblicate", afferma il dott. Ziegelmann. 

 

"In alcuni casi la collagenasi può prevenire la necessità di un intervento chirurgico o rendere l'approccio chirurgico meno invasivo, ad esempio, consentendo al paziente di essere un candidato per la plicatura del pene piuttosto che per l'incisione e l'innesto.

 

Per concludere, la malattia di Peyronie è una condizione comune ma poco conosciuta. La chirurgia è il trattamento più definitivo, tuttavia molti pazienti desiderano un approccio meno invasivo e questa preferenza è particolarmente rilevante durante i sei-dodici mesi successivi all'insorgenza dei sintomi. Le opzioni di trattamento variano a seconda sulla preferenza del paziente, sulla funzione erettile di base e sulla durata dei sintomi.

 

Per quei pazienti che desiderano approcci non chirurgici, è improbabile che le terapie orali da sole forniscano al paziente un beneficio significativo, mentre la terapia di onde d‘urto e le iniezioni intralesionali sono opzioni eccellenti che si traducono in miglioramenti spesso significativi nella curvatura del pene per molti pazienti", conclude il dott. Quarto.

 

Per ulteriori informazioni sui calcoli renali, compreso il modo in cui vengono diagnosticati e trattati, dai un'occhiata al sito dell'Urocenter di Napoli: www.andrologo-urologo.com

ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>