Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIX n° 5
mercoledì 26 gennaio 2022, ore
ATTUALITÀ
LIBANO - Save the Children: famiglie costrette a scegliere se mandare a scuola i figli, dare loro da mangiare o riscaldare la casa, a causa della devastante crisi economica
06.12.2021 14:55 di Napoli Magazine

Migliaia di famiglie libanesi si trovano di fronte alla scelta di dover decidere se spendere il poco denaro che hanno per mandare i propri figli a scuola, dare loro cibo o scaldare la casa. Questa la denuncia di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, sulla grave crisi economica del Libano, esacerbata dalla pandemia di COVID-19,

 

Con la discesa delle temperature e l’aumento delle spese quotidiane, l’helpline di Save the Children ha ricevuto un forte incremento delle telefonate da parte dei genitori che chiedevano supporto per la frequenza delle lezioni dei propri figli da quando le scuole pubbliche hanno iniziato a riaprire in tutto il Libano. Le chiamate al numero verde sono aumentate del 150% a novembre rispetto a settembre di quest'anno[1]. Con l'aggravarsi della crisi economica, migliaia di famiglie stanno ritirando i propri figli dalle scuole private per trasferirli nel sistema statale, mettendo sotto pressione il sistema già teso. A questo si aggiunge il fatto che molte scuole non hanno un riscaldamento adeguato, il che significa che le temperature possono scendere a livelli di congelamento, specialmente nelle scuole che si trovano ad altitudini più elevate. Quest'anno il numero verde di assistenza ha ricevuto il maggior numero di richieste di supporto per il trasporto scolastico poiché l'inverno si avvicina rapidamente e molti bambini vanno a scuola a piedi in condizioni di freddo e umidità.

 

 “Tutto è costoso in Libano. Non posso permettermi di comprare cancelleria per i miei figli, che ora costa oltre 300.000 sterline libanesi ($ 200 USD). Stiamo mangiando a malapena un pasto adeguato, quindi non possiamo esattamente concederci il lusso di comprare una matita", ha detto Farah*, una madre di quattro figli che fa parte dei quattro milioni di famiglie recentemente impoverite a causa del tracollo economico del Paese, uno dei peggior al mondo dal 1850[2]. “Da un lato sono felice e sollevata che le scuole stiano aprendo in modo che i miei figli possano frequentarle, poiché l'istruzione a distanza è stata fuori portata per noi, a causa della carenza di elettricità. D'altra parte, ce la caviamo a malapena perché le scuole, anche quelle pubbliche, hanno un carico di requisiti finanziari che non possiamo più permetterci. Con l'aumento del costo del carburante, i miei figli sono ora costretti ad andare a scuola a piedi. Se fosse stato durante l'estate, sarebbe andato tutto bene, ma con l’inverno ormai praticamente arrivato e la nostra disastrosa situazione finanziaria, sono preoccupata che vadano a scuola a piedi quando fa freddo e piove".

 

Il sistema educativo in tutto il Libano era già debole prima della pandemia di COVID-19, con solo il 52% dei bambini della scuola primaria che proseguiva a frequentare la scuola secondaria[3]. La pandemia ha aggravato la crisi dell'istruzione, in particolare per i minori rifugiati che hanno un accesso limitato sia all'istruzione formale che all'apprendimento online.

 

“Mentre la pandemia continua a colpire le finanze delle famiglie, molti bambini e ragazzi potrebbero non tornare mai più a scuola e alcune famiglie si rivolgeranno al matrimonio e al lavoro minorile per cercare di alleviare le loro difficoltà economiche. Con l'arrivo dell’inverno, molte famiglie non potranno permettersi il carburante per riscaldarsi e allo stesso tempo pagare per mandare i propri figli a scuola. L'apprendimento online è fuori portata per molti studenti, poiché il Libano sta vivendo interruzioni di corrente che durano fino a 22 ore al giorno. Il tema dell'istruzione nel Paese è ora a un punto di svolta: devono essere intraprese azioni urgenti per garantire che tutti i bambini possano tornare a scuola in sicurezza e avere opportunità di imparare” ha dichiarato Jennifer Moorehead, direttrice di Save the Children in Libano.

 

I bambini e i ragazzi rifugiati spesso non vanno a scuola a causa della povertà estrema, dell'incapacità di sostenere i costi di trasporto, della mancanza di corsi di recupero, del bullismo e della discriminazione. Per tentare di combattere questi problemi, il governo libanese sta iscrivendo i rifugiati nelle scuole pubbliche sulla base di un sistema a due turni, con un turno pomeridiano specifico per i bambini rifugiati e non libanesi. Tuttavia, con molte scuole pubbliche sopraffatte, i rifugiati vengono trasferiti a un turno successivo o abbandonano del tutto. Più di 737.000 bambini e ragazzi in Libano non sono in classe quest'anno[4] e il 30% dei minori rifugiati siriani non è mai andato a scuola[5], mettendo a rischio il loro benessere e il loro futuro.

 

“I miei figli non hanno mai messo piede a scuola. Quando ho provato a iscrivere mio figlio in una scuola di secondo turno, o in qualsiasi scuola pubblica, tutti mi hanno detto di aspettare fino a 6 anni e oltre. Quando ho provato a registrarlo quest'anno, tutti mi hanno rifiutato spiegando che la priorità è per gli studenti precedenti e che non c'è spazio per i nuovi studenti", spiega Ghalia*, una madre siriana di tre figli che vive a Beirut, che sottolinea come non sia in grado di iscrivere i suoi figli a una scuola privata poiché hanno a malapena i soldi per il pane. “Il mio bambino di 7 mesi non ha latte da oltre quattro mesi, come posso permettermi le tasse scolastiche? Se potessi permettermelo, non ci penserei due volte a mandare i mie figli a una scuola privata”.

 

Save the Children sottolinea che i bambini e i ragazzi più poveri ed emarginati in Libano rischiano di non tornare in classe, mettendo a rischio il loro futuro. L'Organizzazione chiede maggiori finanziamenti per ricostruire un sistema educativo migliore e più resiliente nel Paese e per garantire che i minori che attualmente non fanno parte del sistema di istruzione formale libanese, in particolare i rifugiati, siano inclusi nei piani per riprendere l'apprendimento. Il Ministero dell'Istruzione e dell'Istruzione Superiore (MEHE) ha recentemente sviluppato un piano educativo quinquennale volto a garantire che tutti i bambini in Libano, indipendentemente dalla nazionalità, abbiano accesso a un'istruzione di qualità. È necessario e urgente un maggiore sostegno da parte della comunità internazionale dei donatori per sostenere la riapertura delle scuole pubbliche e ridurre al minimo l'onere economico sia per le scuole che per le famiglie.

ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>