Calcio
BRASILE - Danilo: "Sono stato depresso, volevo lasciare"
22.06.2024 14:51 di Napoli Magazine
"La cosa più importante nel calcio per me è dare tutto quello che puoi. Ma non sempre accade. Ci saranno molti momenti in cui le gambe non funzioneranno. Quando ti svegli sentendoti terribile, pensi che tutti ti odino e che non meriti nemmeno di indossare quella maglia. Mi ha salvato vedere il gioco con gli occhi di un bambino". Il capitano del Brasile, lo juventino Danilo, si confessa in una lunga lettera per 'The Players Tribune', indirizzata ai tifosi verdeoro, in vista dell'esordio della Selecao in Coppa America. E racconta le emozioni ma anche i momenti bui: "A 24 anni scrissi che avrei voluto lasciare il calcio. Poi ho rischiato anche una ricaduta. Mi hanno salvato i terapisti e i miei figli" dice il giocatore. "Sono umano, non sono sempre stato al mio meglio - ha spiegato -. Durante la mia prima stagione al Real Madrid mi sentivo depresso, perso, inutile. In campo non riuscivo a fare un passaggio di cinque metri. Fuori , non riuscivo a muovermi. La mia passione per il calcio era scomparsa e non vedevo una via d'uscita. Volevo tornare a casa mia, in Brasile, e non giocare più". Poi la rinascita: "Ho dovuto ricordare le mie radici e la gioia di giocare non per fama o denaro, ma per divertimento. Se la mia carriera è stata salvata in quel momento, devo ringraziare i miei terapisti e i miei figli" dice. "Dopo la pandemia e l'uscita dalla Coppa del Mondo avrei potuto avere una ricaduta - prosegue Danilo -. Avrei potuto dire 'ho avuto una buona carriera. Ho già raggiunto il mio massimo. Ora posso rilassarmi'. Ma ho fatto il contrario. Ho iniziato a sfidare me stesso per essere un leader migliore. Ed è stato allora che tutto si è illuminato per me. Quando ho ricevuto la fascia di capitano alla Juventus è stato un grande onore. Ma quando ho ricevuto quella del Brasile, è stato qualcosa di diverso. Un onore immenso, incomparabile". E in vista della Coppa America: "Come capitano, so cosa significa la Seleção per il nostro Paese. E la Copa America è una grande opportunità per dimostrare che il nostro gruppo comprende il peso della responsabilità di indossare questa maglia. Penso che dobbiamo giocare come se stessimo lottando per tornare a essere di nuovo dei calciatori professionisti. Abbiamo rinunciato a tutto per la nazionale. Siamo un gruppo che ha molta fame e molto orgoglio di rappresentare il nostro Paese. Non siamo stati in grado di dimostrare quanto siamo disposti a sacrificare per questa maglia. L'unico modo per cambiare questa immagine è dare anima e corpo in campo. Ogni giocatore che indossa la maglia verdeoro ne sente il peso, indipendentemente da quello che si dice in giro". "
ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
BRASILE - Danilo: "Sono stato depresso, volevo lasciare"

di Napoli Magazine

22/06/2024 - 14:51

"La cosa più importante nel calcio per me è dare tutto quello che puoi. Ma non sempre accade. Ci saranno molti momenti in cui le gambe non funzioneranno. Quando ti svegli sentendoti terribile, pensi che tutti ti odino e che non meriti nemmeno di indossare quella maglia. Mi ha salvato vedere il gioco con gli occhi di un bambino". Il capitano del Brasile, lo juventino Danilo, si confessa in una lunga lettera per 'The Players Tribune', indirizzata ai tifosi verdeoro, in vista dell'esordio della Selecao in Coppa America. E racconta le emozioni ma anche i momenti bui: "A 24 anni scrissi che avrei voluto lasciare il calcio. Poi ho rischiato anche una ricaduta. Mi hanno salvato i terapisti e i miei figli" dice il giocatore. "Sono umano, non sono sempre stato al mio meglio - ha spiegato -. Durante la mia prima stagione al Real Madrid mi sentivo depresso, perso, inutile. In campo non riuscivo a fare un passaggio di cinque metri. Fuori , non riuscivo a muovermi. La mia passione per il calcio era scomparsa e non vedevo una via d'uscita. Volevo tornare a casa mia, in Brasile, e non giocare più". Poi la rinascita: "Ho dovuto ricordare le mie radici e la gioia di giocare non per fama o denaro, ma per divertimento. Se la mia carriera è stata salvata in quel momento, devo ringraziare i miei terapisti e i miei figli" dice. "Dopo la pandemia e l'uscita dalla Coppa del Mondo avrei potuto avere una ricaduta - prosegue Danilo -. Avrei potuto dire 'ho avuto una buona carriera. Ho già raggiunto il mio massimo. Ora posso rilassarmi'. Ma ho fatto il contrario. Ho iniziato a sfidare me stesso per essere un leader migliore. Ed è stato allora che tutto si è illuminato per me. Quando ho ricevuto la fascia di capitano alla Juventus è stato un grande onore. Ma quando ho ricevuto quella del Brasile, è stato qualcosa di diverso. Un onore immenso, incomparabile". E in vista della Coppa America: "Come capitano, so cosa significa la Seleção per il nostro Paese. E la Copa America è una grande opportunità per dimostrare che il nostro gruppo comprende il peso della responsabilità di indossare questa maglia. Penso che dobbiamo giocare come se stessimo lottando per tornare a essere di nuovo dei calciatori professionisti. Abbiamo rinunciato a tutto per la nazionale. Siamo un gruppo che ha molta fame e molto orgoglio di rappresentare il nostro Paese. Non siamo stati in grado di dimostrare quanto siamo disposti a sacrificare per questa maglia. L'unico modo per cambiare questa immagine è dare anima e corpo in campo. Ogni giocatore che indossa la maglia verdeoro ne sente il peso, indipendentemente da quello che si dice in giro". "