Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 8
venerdì 21 febbraio 2020, ore
CALCIO
IL PARERE - Sabatini: "Sarri alla Juve non ha portato nulla di quello che i tifosi speravano"
27.01.2020 12:58 di Napoli Magazine

Il giornalista Sandro Sabatini ha risposto alle domande degli ascoltatori nel Microfono Aperto di Radio Sportiva.


SULL'INTER - "L'Inter può accogliere con sollievo gli ultimi pareggi in casa, anche per i risultati delle altre, ma quella ferocia e quella potenza di qualche settimana fa non si vedono più. Ora bisogna azzeccare il mercato, mi sembra ci sia troppa frenesia e ieri si è visto. Eriksen mi piace, può essere lo Sneijder di 10 anni fa, ma protestare con l'arbitro è una strada sbagliata, io questo arbitraggio contro l'Inter non l'ho visto. E' l'ora di farla finita con gli alibi: va risolto qualcosa, ma tatticamente. Conte si è tolto di mezzo Icardi, Nainggolan, Perisic, JoaoMario e adesso Lazaro e Vecino, ha delle fiammate di innamoramento e altre più durature. Io un tentativo di recuperare Nainggolan l'avrei fatto, vederlo segnare ieri un po' di amarezza la lascia"


SUL DERBY - "Il derby? E' stato uguale a quello del'andata ma rovesciato: ieri ha giocato solo la Roma ma la Lazio ha pareggiato"


SULLA JUVENTUS - "Credo che la Juventus abbia dei problemi tattici che non vogliono essere visti. Il tridente va provato, Sarri fa bene a crederci ma Dybala rende di più quando non c'è Ronaldo: un conto è schierarlo col Cagliari, un conto col Napoli. Dopo più di un girone si può dire che Sarri non ha portato nulla di quello che i tifosi più ottimisti speravano. La Juventus ha preso De Ligt, Ramsey, Rabiot e ripreso Higuain, non mi sembra che Sarri si possa lamentare di questo mercato, o altrimenti che mercato avrebbe voluto Sarri? Un po' di intensità alla Juventus manca, fino all'anno scorso la squadra soffocava l'avversario per almeno venti minuti, poi gestiva, mentre quest'anno soffre troppo, prende un gol a partita e la gestione non c'è mai stata"


SUL MILAN - "Il Milan adesso è una squadra molto più quadrata e più tosta, Ibra non è più lo stesso di qualche anno fa ma anche nel gol al Brescia il suo contributo è stato decisivo"


SULLA ROMA - "Di Fonseca mi piace tutto, non prende appunti in panchina e non si agita come un tifoso: mi sembra un allenatore bravo e non si è lamentato degli infortuni. In certe partite però la Roma si è fatta gol da sola, non si può sempre partire da dietro"


SU BRYANT - "La morte di Bryant ha toccato tutti, era diventato uno dei più forti della storia del basket e aveva imparato a giocare in Italia, e questo è un aspetto che mi ha sempre colpito"

Loading...
ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>