Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 10
sabato 6 marzo 2021, ore
CALCIO
L'ATTORE - Massimiliano Gallo: "Napoli? Avrei continuato con Ancelotti"
23.02.2021 20:06 di Napoli Magazine

Massimiliano Gallo, noto attore e tifoso del Napoli, ha rilasciato un'intervista ai microfoni de "I Tirapietre", sulle frequenze di Radio Amore Campania: "Mio padre Nunzio Gallo? Gli artisti hanno una sorta di immortalità, quando lo rivedo in tv o in qualche filmato o foto, per me è normale. Gli artisti hanno l'opportunità di sopravvivere anche dopo la morte. Sento un po' la mancanza, ma è come se lui non fosse mai andato via. Papà aveva un grande rapporto con Totò. Il Principe portò papà al Musichiere di Mario Riva, lo presentò come la sua "contro voce". Da allora è nato un rapporto di grande stima e amicizia. Totò era già una leggenda, ma nel privato era ancora più grande di come appariva all'esterno. Scendeva di casa con delle mazzette di banconote e le dava ai bisognosi, con garbo, senza mai mostrarsi. Papà ha cantato varie canzoni scritte e musicate da Totò. Passione per gli azzurri? Nunzio Gallo era un pazzo scatenato del Napoli, era amico del Petisso. Lui veramente li appendeva al muro i calciatori, era un pazzo scatenato. Papà andava a trovarlo anche in ritiro. Con lui potevi fare tutto nella vita privata, ma in campo dovevi dare tutto. Teatro? Mi manca tantissimo, ma manca un po' a tutti quanti. Personaggi celebri? Sono rimasto alla Napoli di Maradona, Troisi, Pino Daniele, il resto non ha inciso più di tanti. Servillo, Salemme, Sorrentino, ci sono tanti rappresentanti della cultura napoletani. Ma da quando c'è stata la Lega sono venute a mancare le grandi firme dei giornalisti e opinionisti napoletani a livello nazionale. Napoli? Gattuso è un grande uomo, ma come allenatore non mi piace. Prima c'era il gioco, se hai un grande allenatore, puoi ovviare ai problemi precedenti. La dico grossa, perché in tanti non lo stimavano, ma il grande errore è stato mandare via Ancelotti. Aveva aplomb e rapporti con la stampa. Ancelotti è un grandissimo, non doveva finire così".

Loading...
ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>