Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 31
domenica 1 agosto 2021, ore
CALCIO
MTK BUDAPEST - Costantino: "Maradona, Baggio e Valderrama i miei idoli, giocatori di classe"
17.06.2021 00:10 di Napoli Magazine

In esclusiva sul canale Instagram di Taca La Marca è intervenuto Giovanni Costantino, tecnico del MTK Budapest, il quale si è soffermato su tanti temi, ecco quanto emerso: 


Percorso estero – “E’ stata una necessità, visto che da calciatore non ho raggiunto altissimi livelli, quindi ho deciso di guardare oltre i confini nazionali. Sono partito dalla Finlandia con un contratto di un anno, lavorando più che potevo. Poi ho fatto due anni e mezzo lavorando con i giovani, successivamente c’è stata un’esperienza nel calcio femminile, infine ho intrapreso il mio percorso  con l’Ungheria di mister Marco Rossi. Adesso sono super-motivato visto che mi accingo ad affrontare questa nuova esperienza alla guida del MTK Budapest.”


MTK Budapest – “Il MTK Budapest è un club che vanta una storia gloriosa, avendo vinto due Mitropa Cup e con una finale in Coppa delle Coppe. Inoltre questa maglia è stata indossata da giocatori importanti come Hidegkuti di cui al corso di Coverciano me ne ha parlato Ulivieri, che l’ho avuto come allenatore ai tempi della Fiorentina e me l’ha presentato come uno dei più grandi insegnanti di calcio. Adesso questo club punta sui giovani, dando vita ad un percorso di crescita.”


Ungheria – “Parliamo di una nazione bellissima, dove mi sono confrontato con giocatori di altissimo livello, non mi sarei mai aspettato di poter lavorare con una nazionale, sono molto orgoglioso che i ragazzi abbiano raggiunto il traguardo degli Europei.”


Szoboszlai – “E’ un giocatore straordinario, ha una grandissima qualità e mentalità. Con lui ho instaurato un ottimo rapporto, ci divertiamo insieme e mi dispiace di non vederlo all’Europeo. Sono convinto che si rifarà presto. Mi avrebbe fatto piacere vederlo in Italia da un lato, ma allo stesso tempo c’era il rischio di bruciarlo visto che nel nostro campionato si punta poco sui giovani.”


Idoli – “Mi sono sempre piaciuti i giocatori di classe: Maradona, Baggio e Valderrama. Da buon messinese inoltre ti cito Buonocore.”


Le partite – “In Nations League non potrò mai dimenticare quando mi sono ritrovato da solo in panchina ad occuparmi di tutto con la nazionale ungherese nella vittoria in casa della Turchia. Alla fine dell’incontro mi sono sentito devastato dalla stanchezza. Un’altra partita che mi è rimasta impressa è la vittoria in rimonta nei minuti finali con il Dunajska Streda contro la Dinamo Tbilisi.”


Identità di gioco – “A prescindere dal fatto se giocheremo a tre o a quattro in difesa, ho in mente un calcio che parta da dietro, dove si punti su difensori in grado di impostare il gioco. In attacco siamo alla ricerca di giocatori che siano capaci di  essere schierati indistintamente sia al centro che come esterni offensivi. Ci dedicheremo con il nostro staff anche ad allenamenti individuali con report riguardanti ogni partita. A prescindere da tutto vorrei una squadra che avesse un’identità di gioco ben definita.”

ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>