Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XV n° 46
domenica 18 novembre 2018, ore
CULTURA & GOSSIP
Evento: al museo Madre la presentazione del catalogo Giacomo Rizzo Inner Sculpture
15.10.2018 14:37 di Napoli Magazine

Mercoledì 17 ottobre, alle ore 18.00, sarà presentato al Madre · museo d’arte contemporanea Donnaregina il catalogo Giacomo Rizzo Inner Sculpture (Manfredi Maretti Edizioni, 2018), a cura di Alba Romano Pace e in collaborazione con la Galleria AICA di Napoli e Milano, con testi di Massimo Onofri e Valentino Catricalà. Interverranno, con l’artista, il Direttore del Madre Andrea Viliani, la storica dell’arte e curatrice Alba Romano Pace, l’editore Manfredi Maretti e Andrea Ingenito, Galleria AICA.

 

Giacomo Rizzo, la cui ultima mostra è stata ospitata presso il Polo Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo dal 9 giugno al 24 agosto 2018, ha realizzato nel 2016, con la sua personale tecnica scultorea denominata strappo, l’opera Matermania, originata nell’omonima grotta dell'isola di Capri, progetto che ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee ed è stata poi installata quale unica opera contemporanea permanente nel giardino di Villa Lysis a Capri. 



La sfida della scultura, come scrive Didier Ottinger a proposito del surrealismo e dell’oggetto, "sarà proprio quella di dare materia a ciò che André Breton nel Manifesto del surrealismo del 1924 chiama modello interiore, al quale la creazione artistica deve ispirarsi". È a questo modello interiore che l’opera scultorea di Rizzo si consacra, dando consistenza all’invisibile, creando una nuova tipologia del fare scultura definibile appunto interiore. "La ricerca dell'artista, pur se non si ispira ad un modello onirico, si inscrive di fatto in un processo d’automatismo surrealista in cui la sua personale tecnica, che egli chiama dello strappo, può essere annoverata tra quelle del frottage di Max Ernst, della decalcomania senza oggetto preconcetto di Oscar Dominguez, del fumage di Wolfgang Paalen". Tecniche che mettono insieme "gestualità, casualità, inconsco, per creare universi altri, definiti dall’incontro tra materia e superficie, attraverso un’azione umana non guidata dalla ragione". Il risultato approda almeraviglioso  tracciato della fantasia, luogo e momento di forme evocate o desiderate, richiamo ipnotico per l’inconscio, oppure sudario del tempo, della memoria, dell’anima. Le opere scultoree di Rizzo racchiudono in sé il segreto, l’intimità dello spazio-tempo in cui l’artista lavora, e il suo strappo porta con sé, come un’epidermide, i segni del caso, le tracce del gesto casuale, che divengono così la matrice intima dell’opera, conferendo "fisicità alla memoria, alla psiche, all’invisibile, alla poesia" (citazioni dal saggio di Alba Romano Pace a catalogo, Giacomo Rizzo Inner Sculpture/Scultura Interiore, Manfredi Maretti Edizioni, 2018).

 

Giacomo Rizzo (Palermo, 1977), è docente di Scultura e Tecniche della Fonderia presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo. Come scultore-scenografo ha lavorato con diversi teatri nazionali ed internazionali. La sua poetica si configura come una continua ricerca estetica e di linguaggio attraverso il contatto diretto con la natura ed il suo territorio che diviene per l’artista un luogo dell’anima. Le sue opere ed installazioni in rapporto al territorio e all’architettura sono presenti in numerose collezioni e musei. Nel 2016 la Galleria Andrea Ingenito Contemporary Art di Milano gli ha dedicato una grande personale. 

Loading...
ULTIMISSIME CULTURA & GOSSIP
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in