Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 27
venerdì 3 luglio 2020, ore
IL PUNTO
IL CANTAUTORE - Nino Buonocore: "Lorenzo Insigne e Mertens due rappresentanti della napoletanità"
04.06.2020 13:43 di Napoli Magazine

NAPOLI - Il cantautore Nino Buonocore parla a Marte Sport Live su Radio Marte: “Avevo già registrato al limite del lockdown un live realizzato all’Auditorium. Uscirà sicuramente questo progetto a settembre, è il mio primo disco live della carriera. E’ un piccolo traguardo. La mia prima partita al San Paolo? E’ difficile ricordarsi i dettagli, era con Vinicio allenatore, eravamo tre fratelli e andavamo in curva con panino e acqua minerale. Da ragazzo giocavo a calcio, ero la classica mezz’ala, un numero 10. Una jazz band con gli allenatori del Napoli? Gattuso alla batteria perché martella, forse Ancelotti al contrabbasso, Sarri è un sassofonista eclettico e Rafa Benitez direi il pianoforte perché ha un’armonia di spogliatoio e fa girare bene il tutto. Le strade deserte di Napoli durante la pandemia? Napoli è una città piena di allegria e colori, quando vedi le strade così, noti la bellezza ma fa male un po’ al cuore. Forse abbiamo apprezzato la bellezza architettonica, è stata anche un’occasione. Insigne o Mertens come napoletanità? Credo entrambi, Insigne rappresenta la napoletanità controversa e sofferta. Mertens mi dà l’idea di una napoletanità esplosiva, solare e più spensierata. Koulibaly o Fabio Cannavaro, chi butto giù dalla torre? Sicuramente Koulibaly, Fabio è stato un top player mondale. Cavani o Careca chi butto giù dalla torre? Cavani era molto più atleta, ma Careca era un fuoriclasse a tutto tondo. Il terzo scudetto? Può arrivare se la società programma bene il futuro. Forse serve anche un pizzico di follia”.

Loading...
ULTIMISSIME IL PUNTO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>