In Evidenza
IL MATTINO - Rudi Garcia non vuole rallentamenti nella preparazione, il Napoli farà allenamento a Braga anche giovedì mattina
19.09.2023 08:37 di Napoli Magazine

Secondo Il Mattino, Rudi Garcia, allenatore del Napoli, non vuole rallentamenti nella preparazione e ha pensato di far allenare la propria squadra in Portogallo anche giovedì mattina: "Per prima cosa terrà la squadra a Braga anche giovedì mattina: non vuole rallentamenti nella preparazione, non vuole saltare l'allenamento. Già troppi, per via delle nazionali, sono andati quasi deserti. E allora si resta in Portogallo, seduta atletica alle 11 e poi ritorno in Italia. Perché il viaggio è lungo. Lo faceva spesso anche Sarri. No, non è una scelta punitiva, non è un lavoro forzato per via del 2-2 con il Genoa. Era già tutto scritto e comunicato. Ma è un altro segno del Garcia versione sergente che ogni tanto prende il sopravvento. Per certi versi, lui è più simile ad Ancelotti nella gestione del gruppo, soprattutto quando vorrebbe che i giocatori le motivazioni le trovassero dentro di sé per conto proprio e non grazie ai discorsi o a chissà quali strigliate".

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
IL MATTINO - Rudi Garcia non vuole rallentamenti nella preparazione, il Napoli farà allenamento a Braga anche giovedì mattina

di Napoli Magazine

19/09/2023 - 08:37

Secondo Il Mattino, Rudi Garcia, allenatore del Napoli, non vuole rallentamenti nella preparazione e ha pensato di far allenare la propria squadra in Portogallo anche giovedì mattina: "Per prima cosa terrà la squadra a Braga anche giovedì mattina: non vuole rallentamenti nella preparazione, non vuole saltare l'allenamento. Già troppi, per via delle nazionali, sono andati quasi deserti. E allora si resta in Portogallo, seduta atletica alle 11 e poi ritorno in Italia. Perché il viaggio è lungo. Lo faceva spesso anche Sarri. No, non è una scelta punitiva, non è un lavoro forzato per via del 2-2 con il Genoa. Era già tutto scritto e comunicato. Ma è un altro segno del Garcia versione sergente che ogni tanto prende il sopravvento. Per certi versi, lui è più simile ad Ancelotti nella gestione del gruppo, soprattutto quando vorrebbe che i giocatori le motivazioni le trovassero dentro di sé per conto proprio e non grazie ai discorsi o a chissà quali strigliate".