Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 9
giovedì 25 febbraio 2021, ore
IN EVIDENZA
IL PARERE - Zazzaroni: "Il Napoli ha bisogno di continuità, ha un potenziale altissimo"
28.01.2021 14:01 di Napoli Magazine

“Cosa succede al Napoli? I risultati parlano chiaro: dopo le ultime sconfitte una crisi è normale che si apra. È normale che De Laurentiis metta in discussione la permanenza di Gattuso - queste le parole di Ivan Zazzaroni, giornalista e direttore del Corriere dello Sport, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, su 1 Station Radio -. Sono dinamiche abbastanza normali. Io spero che Gattuso ce la faccia a recuperare, anche se 6 sconfitte nelle prime 18 giornate sono davvero tante. Purtroppo non c’è continuità nel Napoli. La Roma, ad esempio, ha vinto tutte le partite con le ultime dieci in classifica. Il Napoli, invece, vive una sorta di leggerezza psicologica, manca quello che Rino chiama veleno. Con Maurizio Sarri, oltre alla questione del gioco, c’era tutt’altro entusiasmo intorno alla squadra. Si critica il Napoli di Gattuso per la mancanza di gioco, ma io mi preoccuperei più del fatto che la squadra subisca gol ad ogni partita. Questo è un campanello d’allarme. La società deve capire che ci sono più problemi in fase difensiva che in fase offensiva. Andrebbe cambiato qualcosa a livello individuale, ma il Napoli si è fossilizzato a cambiare tanto solo in attacco: è iniziato il campionato ed avevano ben 6 punte. Mentre in fase difensiva non ci sono garanzie, soprattutto sulle fasce. Ci sono alcuni problemi in rosa che non sono mai stati risolti, che ci si porta avanti dall’epoca Ancelotti. Per alcuni versi stiamo rivivendo un déjà-vu dell’epoca ancelottiana: manca l’ammutinamento, ma indubbiamente c’è stato un po' di malcontento in rosa che ha generato una crisi di risultati. Rino non lo sento da tempo, perché con le esclusive scritte dal Corriere dello Sport mi hanno accusato di destabilizzare l’Inter, che poi ha iniziato a vincere – ride, ndr -. Proprio per evitare che mi accusino di destabilizzare anche il Napoli, sto evitando di sentire Gattuso. Anche se raramente lui parla di cose di campo in privato. Ad inizio stagione mi sembrava molto soddisfatto della rosa a disposizione, poi sono successe delle cose che hanno cambiato le carte in tavola. È successo che Fabian Ruiz non ha mantenuto le aspettative, Koulibaly ha iniziato a commettere commette qualche errore di troppo, qualche risultato non è arrivato. Poi, ovviamente, ci sono i malumori di quelli che giocano di meno perché la rosa è ampia. Queste sono le situazioni cambiate da inizio stagione. Benitez? È stato sicuramente contattato, altrimenti non lo avrei scritto. Non c’è da scandalizzarsi, però: De Laurentiis ha spesso contattato altri allenatori. Ci sono state un paio di telefonate tra il presidente e Benitez, ma queste sono cose abituali soprattutto con De Laurentiis che ama spesso chiamare altri mister e confrontarsi. Vedremo se questo sarà solo un episodio o meno. Non so se lo spagnolo verrebbe solo per allenare o per fare anche il direttore sportivo. Di certo lui ha appeal, e lo dimostra il fatto che quando è venuto a Napoli ha portato in rosa giocatori importanti come Higuain, Reina, Albiol e Callejon. Poi, da qui a dire che Benitez voglia venire o meno, non lo so. So che Allegri non ha alcuna intenzione di entrare a stagione in corso, anche perché lui vorrebbe andare all’estero. Credo che Mazzarri verrebbe a Napoli, ma non penso che sia stato contattato. Una cosa è certa: il Napoli ha bisogno di continuità. Gli azzurri, così come la Roma, hanno vinto poco. Sarebbe bello e farebbe bene a tutti che le squadre del centro sud-possano battessero l’egemonia delle squadre del nord. Atalanta? Per me è l’unica squadra che gioca bene, in Serie A. I nerazzurri fanno delle partite pazzesche, sul piano del gioco non hanno rivali. Non dimentichiamo che hanno fatto bene anche in Champions, lo scorso anno. Non so dire se lotteranno per lo Scudetto con la Juve e le milanesi, ma sicuramente daranno filo da torcere a tutti con la loro continuità. Ritornando al Napoli, dico che ha un potenziale altissimo e non ha nulla da invidiare ad altre rose. Juric? Piaceva a Giuntoli e fu contattato già prima di Ancelotti. Attualmente è impossibile prevedere cosa succederà sulla panchina del Napoli, dipenderà solo ed esclusivamente dai risultati che arriveranno dal campo. Critiche a Gattuso? Sono giuste se si pensa che ha perso 6 partite su 18 ed una Supercoppa Italiana, tra l’altro senza averla giocata. Quando le cose vanno male il primo da mettere in discussione deve essere sempre l’allenatore”.

Loading...
ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>