Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 44
mercoledì 27 ottobre 2021, ore
IN EVIDENZA
L'EX - Bianchi: "Non mi sorprende il Napoli a punteggio pieno, Osimhen? Bisogna lasciarlo stare senza pressione e libero di sbagliare"
27.09.2021 13:51 di Napoli Magazine

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Ottavio Bianchi, ex allenatore del Napoli: “Non mi sorprende il Napoli a punteggio pieno, la società ha operato bene mantenendo lo stesso organico mentre le altre hanno cambiato. Poi c’è stata una stagione anomala per via del COVID-19 e per il post Europei e Copa America. Chi ha mantenuto lo stesso organico, con un gioco già collaudato, chiaramente è messo meglio. Società buona, giocatori buoni, allenatore buono, dell’entusiasmo della gente non c’è neanche a parlarne. Non lo dico solo io ma la squadra è una di quelle consolidate che dovevano e potevano fare bene. D’altronde da anni il Napoli è nelle zone alte della classifica. La comunicazione di Spalletti? Non ho letto ma è un dato di fatto che un professionista di alto livello se ha una buona macchina a disposizione non si nasconda. Lui è consapevole della propria forza e trasmette questa forza alla squadra. Anguissa come Romano? L’organico per me era già buono, per noi Romano è stato molto importante perché non avevamo alternative in quella zona di campo, era andato via Pecci e lui non ha sentito il salto di categoria. Arrivò di mercoledì e la domenica lo feci giocare, era un ragazzo estremamente intelligente oltre che dotato di qualità tecniche. Le mazzate è sempre preferibile non averle, poi però quando hai una buona squadra e devi risorgere lo fai. Il problema sta nelle squadre che non sono abituate a vincere che poi si addormentano un pochino. Osimhen? Giocatore giovane e interessante, bisogna lasciarlo stare senza molta pressione perché deve migliorare e lo farà senz’altro. Quando si è così giovani in un ambiente particolare come Napoli la cura migliore è quella di vederlo giocare e di aiutarlo nei momenti difficili, oltre a non esaltarsi nei momenti di grande valore. Gli va data la possibilità di sbagliare senza drammi”.

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>