Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 32
giovedì 5 agosto 2021, ore
IN EVIDENZA
L'EX - Rinaudo: "Spalletti la migliore scelta che il Napoli potesse fare, Insigne per me resterà"
22.07.2021 13:53 di Napoli Magazine

“Non si doveva arrivare alla crisi economica scaturita dal Covid per pensare di lanciare i ragazzi dei settori giovanili nelle prime squadre. In Italia ci vuole più coraggio - queste le parole di Leandro Rinaudo, responsabile del settore giovanile del Palermo ed ex calciatore, fra le tante, di Napoli e Juventus, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, su 1 Station Radio -. Il Napoli, nell’era De Laurentiis, ha fatto molto bene, ma non ha mai puntato sui ragazzi, e questo è stato un grosso limite. Le parole di Spalletti su Koulibaly? Il difensore è fondamentale per questa squadra, ma è importante capire le sue intenzioni. Se è motivato, ben venga che resti. Vivere a Napoli e giocare per questa squadra è un grande privilegio: la piazza è caldissima e vicina ai calciatori, nel bene e nel male. Il tecnico toscano era la migliore scelta che la società azzurra poteva fare. Ora ci vuole solo qualche piccolo sacrificio della società per accontentarlo e metterlo in condizioni di poter dare il 100%. L’allenatore è il fulcro di un club, sposta gli equilibri sia in positivo che in negativo. Insigne? Lo conosco da quando era piccolino e veniva ad allenarsi con noi insieme ad Armando Izzo e Matteo Ciano. Napoli è l’habitat naturale per Lorenzo, e lui è il prototipo del calciatore e dell’uomo perfetto per la città e la squadra. Per me resterà: lui ed il Napoli non possono fare a meno l’uno dell’altro. Favorita per lo Scudetto? Dispiace per Antonio Conte che non ci sarà, perché il prossimo sarà il campionato degli allenatori. In Serie A si sono raggruppati i migliori tecnici d’Europa. La Juve è sempre la favorita, storicamente è quella che sta sempre in alto. Il ritorno di Allegri è un gran colpo, sono andati sul sicuro anche ammettendo di aver sbagliato a mandarlo via. Mi aspetto che il tecnico punterà forte su Dybala e lo metterà in condizione di rendere al massimo. Cristiano Ronaldo? Non è una spina nel fianco come qualcuno sta provando a descriverlo. Non dimentichiamo che ha vinto cinque volte il Pallone d’Oro e, insieme a Messi, è il calciatore più forte in attività”.

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>