Anno XXI n° 8
martedì 20 febbraio 2024, ore
IN EVIDENZA
REPUBBLICA - Anche De Laurentiis vorrebbe la cittadinanza onoraria di Napoli, il retroscena
08.12.2023 10:30 di Napoli Magazine

La Repubblica ha svelato un retroscena relativo alla cerimonia per la cittadinanza onoraria a Luciano Spalletti: "Emblematico il teatrino andato in scena ieri mattina nella Sala dei Baroni, che merita d’essere raccontato nei dettagli. Il presidente era seduto in prima fila e nel momento magico in cui è stata consegnata l’onorificenza al novello ct della Nazionale ha chinato la testa sul suo smartphone, immergendosi in un lungo scambio di messaggi in chat che evidentemente non poteva essere rimandata. Il tecnico toscano — alla cui vista periferica non sfugge mai nulla — se n’è subito accorto ed è passato microfono alla mano al contrattacco. Ma la replica di Spalletti è stata altrettanto piccante. «Con De Laurentiis va sempre così: sembra di essere dentro un film horror, vivi una scena da paura e ti convinci che sia stata l’ultima. Invece sei lì sul divano, sereno con coca- cola e pop corn, pensi sia tutto finito. Macché: boom, ecco che ne arriva una nuova». Il presidente ha abbozzato, però non si è smentito. «Si può vincere sempre solo imbrogliando. I napoletani sono perdenti perché non sono mai contenti», ha ruggito infatti uscendo dalla sala. Sussurrano che avrebbe voluto la cittadinanza pure lui. Ma De Laurentiis e Spalletti non si sopportavano più già da un po’ e di conseguenza non c’erano margini per consentire a entrambi di continuare a lavorare insieme. «Non merito questo premio. Lo sto ricevendo solamente grazie alla città, ai tifosi e soprattutto alla squadra, talmente forte che nella scorsa stagione avrebbe potuto battere tutti con una guida qualsiasi, come giustamente ha detto qualcuno alla fine del campionato... ». Ma il vaso è traboccato quando Luciano il napoletano ha chiesto di accendere il maxischermo della Sala dei Baroni. « Vi mostro un video motivazionale che avevo regalato ai giocatori, prima della partita decisiva. Finora sono stati gli unici a vederlo». Tre minuti e 42’’ da brividi, in cui erano racchiuse le tappe della cavalcata tricolore e sono comparsi tutti gl artefici della conquista del titolo, tranne uno...".

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>