Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 44
mercoledì 27 ottobre 2021, ore
IN PRIMO PIANO
PRESS CONFERENCE - Napoli, Spalletti: "Sarebbe potuta finire anche 6-1, turnover? No, bisogna trovare la forma giusta, attendo Demme"
23.09.2021 21:42 di Napoli Magazine

GENOVA - Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, ha parlato in Press Conference dopo la vittoria contro la Sampdoria. Ecco quanto evidenziato da "Napoli Magazine": "C'è sempre da migliorare. Nel primo tempo la Sampdoria e' stata brava quanto noi, non siamo riusciti a pressarla, ci hanno fatto abbassare spesso, le due mezz'ali non riuscivano a dare una mano a Osimhen. Candreva andava sempre in superiorita' numerica, Quagliarella riusciva a trovare varchi. Sono serviti due strappi di qualita' individuali per portare la partita su un piano piu' logico e vantaggioso per noi. La vittoria del campionato? La quota media e' 90 punti, quindi ne mancano 75. Cambia poco se ne mancano 82 o 85. Cambia poco dire che si vuole vincere, diventa un'assurdita', a meno che non si vuole pressare chi e' davanti. In alcuni momenti si attraverseranno delle difficolta'. La squadra e' stata brava all'inizio. Sara' fondamentale recuperare Demme. Fabian Ruiz e Anguissa? Non sono di quelli che pensano al turnover. Hanno bisogno di giocare per trovare la condizione. Stesso discorso per Zielinski, che ha segnato col suo marchio di fabbrica. In questo momento non sussiste questo problema. La Sampdoria ha continuato a fare la partita anche sul 4-0. E' una partita che sarebbe potuta finire anche 6-1 o 6-2. Nel secondo tempo molto meglio con i due mediani. Nel primo tempo ci hanno fatto abbassare troppo perche' non trovavamo l'uomo giusto per aiutare Osimhen. Sono iniezioni importanti di fiducia e consapevolezza. Abbiamo consegnato piu' forza ai nostri avversari. Ci dobbiamo preparare anche a questo. Anguissa ci ha completato, ci fa riconquistare piu' palloni. Le corse di Lozano e Insigne nel primo tempo ci hanno aiutato. Fabian Ruiz sa fare ogni cosa, conosce la materia, e' un po' abituato a trascinarla la palla perche' la vuole toccare. Se la tocchi poco la porti in giro per il campo. Ha capito che stando nel mezzo, la palla gli ritorna anche spesso. Inizia il meccanismo di molti tocchi ciascuno. Vede la palla oltre. Pompiere? L'eccesso di euforia e' facile incontrarlo. Si comincia dal portiere di casa, ma in questo caso e' un darti ancora piu' forza e tranquillita' per esibire le qualita' che abbiamo. Si lavora in maniera tranquilla".

ULTIMISSIME IN PRIMO PIANO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>