Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 50
giovedì 9 dicembre 2021, ore
IN PRIMO PIANO
VIDEO - Schwoch: "Riportammo il Napoli a casa, la Serie A è dove deve stare! Fu una gioia irrefrenabile! Maradona è il dio del calcio, non si è mai venduto al potere, con la città ho legato tanto, appena posso ci torno"
18.11.2021 14:26 di Napoli Magazine

Stefan Schwoch, ex attaccante del Napoli, ha rilasciato un'intervista a StarCasinò.sport. Ecco quanto evidenziato da "Napoli Magazine": "Napoli? Per me era una sfida, una sfida di un milione e mezzo di abitanti, perciò quando scendevo con quella maglia addosso nello stadio mi sentivo il giocatore più forte del mondo. 'Swich', 'Swoch', ma io sono Schwoch, Stefan Schwoch! Il primo giorno di Napoli è stato il 30 dicembre del 1999, arrivai da Venezia ed era un sabato, la città veniva da anni bui, il Napoli era in Serie B, si fa fatica solo a pronunciarlo. Lo riportammo a casa, perchè la Serie A è dove deve stare il Napoli. Pistoiese-Napoli? Penso sia stato uno dei giorni più belli trascorsi a Napoli, tensione i giorni prima, tanta tensione il giorno della partita, però poi è esplosa in una gioia irrefrenabile. Quando c'è stata l'invasione di campo da partedei tifosi del Napoli. C'è stato un passaggio da quella parte là, mi sembra di Asta, io l'ho controllata e di punta l'ho messa sul palo lungo per anticipare il portiere. Cosa è successo quella sera? Qualcosa che non mi sarei mai aspettato. Gente arrampicata sul pullman, gente che ci aspettava. Eravamo a Napoli, arrivò la Polizia sotto l'aereo e ci disse: 'Guardate che dobbiamo uscire da un'altra parte perchè davanti non si può uscire'. E Novellino disse: 'No, no, dopo un anno di fatica dobbiamo andarci a prendere tutte le gioie!". Mi viene ancora la pelle d'oca adesso. Non riesco a spiegarmi quando ogni tanto sul giornale leggo che un giocatore rifiuta questa piazza. L'hanno che ho giocato qua, c'era un tavolo in un bar, prenotato fino alle 10:30 del mattino: cappuccino, cornetto crema e amarena e in più il giornale. Anche la partita che abbiamo fatto in casa col Brescia, vedere tutti i tifosi che portavano quel cartello in mano, è una foto che io tengo ancora a casa, appesa al muro, a me dà la pelle d'oca appena entrato in campo, non me l'aspettavo, non me l'avevano neanche detto. Maradona? Parliamo del dio del calcio. Quello che ha fatto Diego qui a Napoli penso che non lo possa ripetere più nessuno. E' sempre stato dalla parte dei più deboli. Non si è mai venduto al potere. Io ho giocato contro di lui in una amichevole, non ci credevo, avrei potuto vedere dal vivo il giocatore più forte del mondo! Presi coraggio e gli chiesi una foto, lui disse subito di sì, senza nessun problema. Mi ricordo che appena ho sentito il clic e mi sono allontanato, al fotografo gli dissi: 'Non perdere questa foto sennò ti ammazzo!' (ride, ndr). Ho il figlio Jacopo che è cresciuto qua, è nato il 25 novembre e il secondo mio figlio Tommaso è nato il 30 ottobre, perciò io ho un figlio che è nato il giorno che è nato Maradona e un altro figlio che è nato il giorno che purtroppo se ne è andato Diego. L'ultimo giorno a Napoli è stato anche inaspettato. Sono stato ceduto al Torino, è stato un giorno molto molto triste, perchè ormai con la città avevo legato tantissimo e dopo tanti anni mi rendevo conto che ci poteva stare. All'epoca ho fatto veramente fatica a capire il perchè, a capirne i motivi, perchè davvero mi ero trovato benissimo e infatti appena posso ci torno sempre". Ecco un video pubblicato su Instagram dalla SSC Napoli.

 

ULTIMISSIME IN PRIMO PIANO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>