Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 46
venerdì 15 novembre 2019, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
L'ANGOLO
ON AIR - De Nicola: "Insigne? E' sempre molto vicino alla squadra, Hamsik è l'unico giocatore che può esser paragonato a Maradona per quel che ha fatto per il Napoli"
15.10.2019 13:00 di Napoli Magazine

NAPOLI - In diretta a ‘Il Bar dello Sport', trasmissione condotta da Antonio Esposito e Diego Armando Maradona Jr in onda su Radio CRC, è intervenuto Alfonso De Nicola: “Il calore del tifoso napoletano si sente ovunque. Sono lontano dalla squadra, ma allo stesso tempo vicino. Mi trovo a Telese Terme e qui ci sono tantissimi tifosi del Napoli. Insigne? Ho visto la partita con i Liverpool. Lorenzo è un ragazzo che si allena seriamente, sempre molto vicino alla squadra. Viene da un'educazione molto particolare: ha iniziato a fare il calciatore assieme a gente che metteva al primo posto la squadra e ne ha preso le sembianze. Lo conosco da quando aveva 14 anni. Lorenzo l'ho sempre stimato tantissimo e gli voglio bene come si vuol bene ad un figlio. E' molto legato al territorio, vive per Napoli (un po' com'era Paolo Cannavaro). Quando un calciatore va in Nazionale va seguito da qualcuno della società, perché è importante che i preparatori abbiano una comunicazione importante, che non si limiti unicamente ad una telefonata. I calciatori devono giocare esattamente come giocano all'interno dei club. In questi 15 anni di Napoli, Hamsik è stato quello che mi ha lasciato più di tutti; ha dato tantissimo ed è stato un giocatore davvero serio. Quando Marek veniva messo fuori campo non si arrabbiava, ma si impegnava sempre più duramente. Venivo preso in giro, affermavano lo trattassi come mio figlio. Hamsik è stato tutto per il Napoli, l'unico che può essere paragonato a Maradona per quanto ha dato alla squadra. E' rimasto quello che era da ragazzino. Sono legatissimo a lui ancora adesso. Sarri? Non l'ho ancora visto con la giacca in panchina. Lo vedo sempre uguale. E' una persona che mi ha fatto crescere tantissimo e che mi ha insegnato tante cose. Ghoulam e Milik? Ogni infortunio lascia un segno, bisogna attendere. Più tempo stai fermo e più tempo impieghi a riprenderti, anche mentalmente. Non credo che la responsabilità sia da attribuire a qualcuno di noi. Le ricadute possono essere sintomi di superficialità, ma non gli infortuni. Sono stati sfortunati”.

Loading...
ULTIMISSIME L'ANGOLO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>