Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 38
venerdì 18 settembre 2020, ore
M' 'O VVECO IO
SHOW TIME - Gino Rivieccio su "NM": "Anticipi, posticipi e Osimhen"
19.07.2020 16:30 di Napoli Magazine

NAPOLI - Vi confesso che sono a disagio perché non riesco più a seguire le partite in tv. Tra stadi anonimi deserti e quindi tutti uguali, anticipi, recuperi, posticipi, accavallamenti di orari e repliche delle repliche, non sono più capace di connettermi al calcio. Si gioca ogni tre giorni e sarà così fino al 2 agosto. Ma in alcuni casi mi pare si giochi ogni tre ore. Per esempio mi sembra che la Juve non riposi mai ma resti in campo notte e giorno, perché a qualsiasi ora m’imbatta su un canale satellitare, vedo Sarri sudato in panchina recriminare contro Alex Sandro e compagni. Dopo Sassuolo-Juve dell’altra sera, lunedi toccherà a Juve-Lazio ma mi sa che già si tratti del posticipo del prossimo campionato, visto che la Lazio è stata abilissima a essere contagiata dalla pandemia del non gioco dopo un inizio di campionato promettente. Anche l’Inter non scherza. Sarà perché la faccia triste e sconsolata di Conte è sempre la stessa, ma ho l’impressione di assistere alla stessa deludente partita che i nerazzurri ripetono il mercoledì e il sabato. Che pareggi, vinca o perda l’espressione di Conte è sempre uguale, come se prima di sedersi in panchina si fosse incontrato con la Merkel e con Macron al posto del suo omologo. E come al suo omologo, anche a lui i conti non tornano tanto, bocciati dai cinesi che sembra già rimpiangano gli 11 milioni l’anno, al punto che qualcuno ha mostrato nostalgia per Mazzarri e per il suo stipendio. Il Napoli invece mi sembra giochi su più fronti. C’è una squadra, quella dell’ottimo Gattuso, che va in campo e fa risultato nonostante il campionato non abbia più niente da dire. C’è un’altra squadra, quella dei desiderosi di andare via, che invece tra uno scambio e un fraseggio a centrocampo si mandano aggiornamenti con i vari procuratori circa il futuro. C’è una squadra, quella societaria, impegnata a preparare il nuovo ritiro di Castel di Sangro. E ce n’è un’altra, giuntoliana, tesa a intercettare lumi su questo ragazzo nigeriano valutato 50 milioni che passa il tempo a sostituire agenti e a rilasciare dichiarazioni d’amore alla Premier. Osimhen, questo il nome del giocatore del Lille che il suo presidente avrebbe già promesso al Napoli. Per qualcuno intanto è diventato O’ sament perché d’accordo col nuovo agente Ciannaraesord’ sta giocando su due tavoli (l’altro con il Liverpool)  per fare l’affare migliore. Non sappiamo quest’altra partita come andrà a finire e non sappiamo nemmeno se è un recupero o un posticipo di quella dello scorso anno con Pèpè. Una cosa è certa: quando il Napoli lascia perdere un giocatore che tratta con tutti, di solito fa un affare. Intanto stasera si gioca Napoli-Udinese a quattro giorni da Bologna e a tre giorni dalla partita di Parma. Mi dite se le ultime due fanno parte di un triangolare estivo come si usava in questi giorni fino a 12 mesi fa? Perché io non ci sto a capire più niente. E la Lega Calcio anche di meno…

 

 

Gino Rivieccio

 

Napoli Magazine
 

Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com

Loading...
ULTIMISSIME M' 'O VVECO IO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>