Anno XXI n° 8
mercoledì 21 febbraio 2024, ore
VIDEO
VIDEO CONFERENCE - Napoli, Garcia: "Se abbiamo mollato il primo posto? Domanda offensiva, Osimhen prosegue il recupero, Meret è il titolare, a Salerno senza odio"
03.11.2023 13:52 di Napoli Magazine

CASTEL VOLTURNO (CE) - Rudi Garcia, allenatore del Napoli, ha parlato in Press Conference alla vigilia della sfida con la Salernitana. Ecco quanto evidenziato da "Napoli Magazine".

 

 

- A Salerno vedremo il Napoli del secondo tempo col Milan?

 

"Non buttate tutto del primo tempo di Napoli-Milan. Abbiamo preso due gol, ma le occasioni le abbiamo avute. Ormai e' passato. Il secondo tempo e' passato. Ora proseguiamo su quell'onda positiva".

 

- Il 4-2-3-1 puo' essere una soluzione iniziale a Salerno?

 

"Abbiamo dimostrato che il 4-2-3-1 puo' essere utile, non solo con il Milan. Potrebbe tornare utile anche a Salerno. Dobbiamo concedere meno gol. Concentriamoci di piu' sulla fase difensiva, non dobbiamo prendere gol. I ragazzi lo sanno, dobbiamo impegnarci in 11 per difendere. Se saremo piu' solidi saremo in grado di vincere piu' facilmente le partite".

 

- Bisogna salire meglio dalla difesa con il possesso palla?

 

"Non e' questo. Nel primo tempo contro il Milan abbiamo regalato tanti palloni agli avversari. Non era sempre lo stesso giocatore a perdere palla. La chiave e' il gioco con la palla, che ti porta a segnare senza subire".

 

- Ha sentito Osimhen?

 

"Ho sentito Osimhen per messaggio, ha avuto un permesso dalla societa'. I dottori mi garantiscono che segue il programma. Non e' che non mi interessa, ma che sia Osimhen o Russo, non potendo giocare, penso solo ai disponibili".

 

- Sette punti dall'Inter significa essersi gia' arresi?

 

"E' una domanda offensiva. Siamo ad un quarto del campionato, restano tre quarti di campionato per restare sopra le altre squadre".

 

- Come sta Lindstrom? Trovera' piu' spazio?

 

"Un po' di spazio l'ha trovato. Quando sei esterno d'attacco devi avere dei numeri alti tra assist e gol. Non e' facile togliere il posto a Kvara e Politano".

 

- Come mai in trasferta c'e' un rendimento diverso rispetto alle gare casalinghe?

 

"Non lo so".

 

- C'entra qualcosa che si fa ritiro pre gara in trasferta?

 

"No, ho giocatori professionali. Pensate al covid, non si faceva ritiro".

 

- Elmas e Rrahmani, ha parlato con loro?

 

"Non significa che li ho puniti cambiandoli all'intervallo. Potevo fare altre scelte. So che quando cambi due difensori puo' sembrare un po' particolare, ma i due gol arrivati dopo col Cholito significa che le scelte sono state corrette".

 

- Salernitana-Napoli, cosa si aspetta?

 

"Ritrovero' De Sanctis, che e' stato uno dei pilastri del mio spogliatoio a Roma. Ho sempre pensato che potra' essere un grande dirigente, oltre che direttore sportivo. Sara' un grande piacere rivedere Morgan, un leader in campo ma soprattutto un uomo perbene. Ci sono alcuni giocatori francesi che hanno giocato in Francia. Siamo a 50 km di distanza. So che ci puo' stare rivalita', ma di guerra ne abbiamo abbastanza. L'odio non porta da nessuna parte".

 

- Ha visitato il Murales Maradona, l'ha fatto per sentirsi piu' napoletano?

 

"Mi trovo bene in questa citta'. Quando c'e' stata tempesta, ho sempre detto che c'e' tanta gente che mi incoraggia. Cerco di avere una vita normale, anche se per allenatori e calciatori e' un po' complicato in qualsiasi citta' di calcio. Sono andato li' al Murales nel giorno del compleanno di Diego, ho visto tanti scugnizzi che giocavano a calcio per strada, e' questa la bellezza della vita".

 

- Pensa di trovare una Salernitana bloccata in difesa? Il Napoli e' sesto nella fase realizzativa...

 

"Non sara' una gara facile, e' un derby, loro hanno bisogno di punti. Serve solo ottenere una vittoria, dobbiamo mettere in campo la migliore versione del Napoli. Sappiamo cosa dobbiamo fare. La Salernitana va gestita".

 

- E' soddisfatto del suo rendimento? Cosa si puo' migliorare?

 

"Si puo' sempre migliorare, siamo una squadra forte. Dobbiamo scendere in campo con ambizione, coraggio, fiducia e personalita'. Contro la Lazio avevamo iniziato bene, serve trovare il vantaggio. Bisogna migliorare in questo aspetto".

 

- Pensa di ruotare Meret? Ci sara' spazio per Gollini?

 

"Meret e' il numero 1 e Gollini e' il numero 2. Gollini e' stato infortunato, da quando sono arrivato sono contentissimo della sua conferma. Abbiamo tre portieri forti. Anche Nikita Contini si allena benissimo. Il piccolo Idasiak e' ancora giovane. Pierluigi meriterebbe di giocare alcune partite, vedremo se ci sara' l'opportunità. Sono contento di dormire con le due orecchie sui cuscini".

 

Antonio Petrazzuolo

 

Napoli Magazine

 

Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com 

ULTIMISSIME VIDEO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>