Cultura & Gossip
EVENTO - Red Bull Doodle Art: grande spettacolo a Napoli per la competizione globale di scarabocchi con Jago
18.03.2023 12:03 di Napoli Magazine
Una competizione globale che promuove una nuova generazione di artisti, invitando chiunque voglia lasciar vagare la mente e mettere su carta i loro fantasiosi scarabocchi. Tutto questo è il Red Bull Doodle Art, il contest innovativo dove i partecipanti disegnano creazioni spontanee, quelle che avvengono quando la penna incontra la carta e l'immaginazione corre libera. Un evento unico nel suo genere che ieri ha visto protagonisti i cittadini napoletani, che sono stati chiamati a provare la doodle art e hanno potuto cimentarsi a “doodolare” live con il famoso scultore Jacopo Cardillo, in arte Jago.
 
 
L’evento si è svolto vicino alla piazza centrale del quartiere Sanità di Napoli, presso la maestosa Basilica di San Severo fuori le mura, uno dei luoghi simbolo di Napoli dove è presente uno dei capolavori di Jago: il “Figlio Velato”, l’opera che raffigura un fanciullo coperto da un velo che racconta la morte di tutti gli innocenti del nostro tempo. Una scultura che è diventata in poco tempo un simbolo della città: infatti, quello che era un ex luogo di culto, abbandonato e degradato, si è trasformato nel laboratorio di uno scultore, che a sua volta l’ha aperto ai ragazzi del rione, donando alternative alla violenza e puntando la luce su chi non ha nulla.
 
 
"Essere indipendenti per trovare uno spazio ed essere liberi di esprimersi. Per fare ciò la soluzione è nell'essere imprenditori di sé stessi. Dietro la scultura c'è un lavoro molto lungo, che va dalla scelta del blocco di marmo a quello della realizzazione. Per valorizzare il tutto e far capire cosa c'è dietro il processo di creazione dell'opera è comunicarlo attraverso tutti i canali a disposizione. Un esempio? Il documentario. 
 
 
 
Per questo motivo il progetto Red Bull Doodle Art è l'occasione per tutti i ragazzi che vi prendono parte di esprimere la loro creatività e trovare la strada per essere indipendenti"- ha dichiarato Jago.
 
 
 
“Il doodle è un qualcosa di totalmente libero e non censurato dalla nostra mente. È una vera e propria forma d’arte nel suo stato embrionale, da cui iniziare per arrivare ad una opera molto più complessa. Sono molto felice che i nostri studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli abbiano accettato di cimentarsi con questo contest e spero che possano arrivare alla finale nazionale di Red Bull Doodle Art” – ha dichiarato Daniela Pergreffi, docente di Illustrazione all’Accademia delle Belle Arti di Napoli.
 
 
Il contest “Red Bull Doodle Art” per disegnare insieme a Jago è aperto a chiunque voglia mostrare la propria arte e dare libero sfogo alla fantasia. Per partecipare è sufficiente iscriversi sul sito e provare a volare ad Amsterdam dove, dal 25 al 28 maggio, andrà in scena la finale mondiale con i vincitori di ogni nazione.
ULTIMISSIME CULTURA & GOSSIP
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
EVENTO - Red Bull Doodle Art: grande spettacolo a Napoli per la competizione globale di scarabocchi con Jago

di Napoli Magazine

18/03/2024 - 12:03

Una competizione globale che promuove una nuova generazione di artisti, invitando chiunque voglia lasciar vagare la mente e mettere su carta i loro fantasiosi scarabocchi. Tutto questo è il Red Bull Doodle Art, il contest innovativo dove i partecipanti disegnano creazioni spontanee, quelle che avvengono quando la penna incontra la carta e l'immaginazione corre libera. Un evento unico nel suo genere che ieri ha visto protagonisti i cittadini napoletani, che sono stati chiamati a provare la doodle art e hanno potuto cimentarsi a “doodolare” live con il famoso scultore Jacopo Cardillo, in arte Jago.
 
 
L’evento si è svolto vicino alla piazza centrale del quartiere Sanità di Napoli, presso la maestosa Basilica di San Severo fuori le mura, uno dei luoghi simbolo di Napoli dove è presente uno dei capolavori di Jago: il “Figlio Velato”, l’opera che raffigura un fanciullo coperto da un velo che racconta la morte di tutti gli innocenti del nostro tempo. Una scultura che è diventata in poco tempo un simbolo della città: infatti, quello che era un ex luogo di culto, abbandonato e degradato, si è trasformato nel laboratorio di uno scultore, che a sua volta l’ha aperto ai ragazzi del rione, donando alternative alla violenza e puntando la luce su chi non ha nulla.
 
 
"Essere indipendenti per trovare uno spazio ed essere liberi di esprimersi. Per fare ciò la soluzione è nell'essere imprenditori di sé stessi. Dietro la scultura c'è un lavoro molto lungo, che va dalla scelta del blocco di marmo a quello della realizzazione. Per valorizzare il tutto e far capire cosa c'è dietro il processo di creazione dell'opera è comunicarlo attraverso tutti i canali a disposizione. Un esempio? Il documentario. 
 
 
 
Per questo motivo il progetto Red Bull Doodle Art è l'occasione per tutti i ragazzi che vi prendono parte di esprimere la loro creatività e trovare la strada per essere indipendenti"- ha dichiarato Jago.
 
 
 
“Il doodle è un qualcosa di totalmente libero e non censurato dalla nostra mente. È una vera e propria forma d’arte nel suo stato embrionale, da cui iniziare per arrivare ad una opera molto più complessa. Sono molto felice che i nostri studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli abbiano accettato di cimentarsi con questo contest e spero che possano arrivare alla finale nazionale di Red Bull Doodle Art” – ha dichiarato Daniela Pergreffi, docente di Illustrazione all’Accademia delle Belle Arti di Napoli.
 
 
Il contest “Red Bull Doodle Art” per disegnare insieme a Jago è aperto a chiunque voglia mostrare la propria arte e dare libero sfogo alla fantasia. Per partecipare è sufficiente iscriversi sul sito e provare a volare ad Amsterdam dove, dal 25 al 28 maggio, andrà in scena la finale mondiale con i vincitori di ogni nazione.