Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 25
lunedì 14 giugno 2021, ore
IN EVIDENZA
FIFA - Infantino: "Siamo contrari alla Superlega, una soluzione pacifica è sempre meglio di un conflitto ma capisco che si parli di sanzioni"
07.05.2021 23:30 di Napoli Magazine

Gianni Infantino, presidente della FIFA, ha rilsciato un'intervista ai microfoni di AS: "Sono il presidente della FIFA e la mia responsabilità è difendere tutto il calcio, ovunque. Ciò include club, leghe e federazioni di tutto il mondo, siano esse piccole, medie o grandi, con diversi livelli di sviluppo. Così come anche i giocatori, gli allenatori, gli arbitri e tutte le parti coinvolte, tenendo sempre presente il fatto che i tifosi debbano essere al centro di tutto ciò che facciamo. Sono stato molto chiaro sulla mia posizione e su quella della FIFA sull'argomento Superlega. Sosteniamo la UEFA nel suo rifiuto, siamo contrari e ci opporremo sempre a qualsiasi competizione che non faccia parte della struttura internazionale del calcio e che minacci l’unità e la solidarietà, fattori che dovrebbero sempre esistere nella piramide calcistica che lega il calcio dilettantistico con le stelle di questo sport. É anche mio obbligo mediare tra le parti in modo che inizi un dialogo aperto alla ricerca di soluzioni positive. Penso che dobbiamo riflettere attentamente sui prossimi passi, perché si tratta di una questione complessa che va oltre una semplice competizione. Riguarda l'ecosistema del calcio. Per quanto riguarda le sanzioni, ci sono organi competenti e indipendenti che analizzeranno cosa si può e si deve fare al riguardo, quindi non è mio compito parlarne. Ovviamente, ciò non significa che escluda l'applicazione di sanzioni a livello nazionale, continentale o globale. L'ho detto una volta e lo ripeto ora con chiarezza: o i club vogliono far parte delle strutture del calcio o dovranno affrontarne le conseguenze. È ovvio e sono sicuro che lo sappiano. A proposito, visto che ne stiamo parlando, permettetemi di chiarire che quando ho detto che un leader dovrebbe pensare al motivo per cui siamo dove siamo, non mi riferivo al presidente UEFA. Era un invito a tutti gli amministratori del calcio a riunirsi per riflettere sul contesto in cui viviamo. Vorrei riunire tutte le parti e poter avere un dialogo costruttivo e trovare così soluzioni migliori per tutti. Una soluzione pacifica è sempre meglio di un conflitto. Ripeto, questo va ben oltre una semplice competizione. Ha un impatto globale, poiché, ad esempio, ci sono molti giocatori da tutto il mondo che giocano per questi club e la FIFA deve proteggere il calcio dalle squadre nazionali di tutto il mondo. In ogni caso, credo che tutti possiamo esprimere la nostra opinione, non solo pochi, nel modo più efficace e migliore possibile. Molti sono disposti a stabilire un dialogo e, naturalmente, le porte della FIFA sono sempre aperte a chiunque partecipi al calcio. Ma una cosa deve essere chiara, non accetteremo proposte che contraddicono i valori del nostro gioco, come il merito sportivo, la solidarietà, l'integrità e l'equo accesso alle competizioni".

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>