Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 28
lunedì 6 luglio 2020, ore
IN PRIMO PIANO
IL MINISTRO - Spadafora: "Ho pensato che non ce l'avremmo fatta, ora incrocio le dita sperando che il campionato vada avanti fino alla fine"
29.05.2020 14:07 di Napoli Magazine

Il calcio riparte. L'appuntamento con il fischio d'inizio della Serie A (e della B) è fissato per il 20 giugno, con la Coppa Italia a fare da prologo già il 13 e il 14 con le semifinali e il 17 con una finale che cadrà 50 anni dopo Italia-Germania 4-3, segnando a modo suo un'altra data storica. Il governo, incassato il parere favorevole del Comitato tecnico-scientifico, ha dato il via libera.

 

L'annuncio è stato dato dal ministro dello Sport Vincenzo Spadafora che, a conclusione del vertice in videoconferenza con tutte le componenti della Figc, e dopo aver consultato il premier Giuseppe Conte, ha indicato il giorno della ripartenza del campionato (il 20 appunto). Ma si comincerà prima con la Coppa Italia. "E' giusto che il calcio riparta, così come tutto lo sport. La Serie A riprende il 20 giugno e il mio auspicio è che nella settimana precedente si possa giocare la Coppa Italia", ha detto Spadafora, che oggi ha poi ribadito l'intenzione di pervenire ad una riforma completa dello sport entro agosto.

 

Il calo della curva dei contagi era condizione indispensabile per decretare il disco verde alla ripresa delle gare, dopo quella degli allenamenti: a spianare la strada è stato l'ok del Cts al protocollo messo a punto dalla Figc. "Nei momenti più difficili - ha ricordato oggi Spadafora - quando c'erano i dati più alti della curva, ho pensato di non farcela. Ancora adesso, infatti, incrocio le dita perché il campionato possa andare avanti fino alla fine come previsto".

 

Resta d'altronde confermato "l'obbligo della quarantena di un soggetto positivo e quella conseguentemente precauzionale di tutto il resto del gruppo-squadra". "Al momento - ha precisato il ministro - la quarantena non si può allentare". Si vedrà più avanti, se saranno arrivati dati ancora più confortanti, se ci potranno essere altri sviluppi. Insomma, si riparte, anche se i club sanno che sarà una estate-maratona, con oltre 100 partite da giocare: 12 giornate e quattro recuperi della 25/a. Con una corsa scudetto che mai come in questa stagione stava accendendo il finale.

 

Purtroppo, si rimarrà sempre condizionati dall'evolversi della pandemia. "Alla luce di tutti i discorsi fatti - ha dovuto ricordare il ministro - se ci trovassimo di fronte a una nuova emergenza e la curva dovesse cambiare, e mi auguro ovviamente di no, è naturale che si sospenderà tutto. La Figc mi ha assicurato che esiste un piano B, con playoff e playout, ma anche un piano C, con la chiusura definitiva e la cristallizzazione della classifica. Per lo meno, ora smetteranno le storielle che ci volevano contrari alla ripartenza".

Loading...
ULTIMISSIME IN PRIMO PIANO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>